Change your language here!

Servizio gratuito numero


Se Ignori questo Sintomo potresti Ridurre di Metà la Vita del Tuo Pet

Grazie a molti studi e ricerche sulle malattie gastrointestinali non c'è più alcun dubbio che la salute intestinale è di fondamentale importanza per la salute globale, sia per noi che per i nostri amici a quattro zampe.

I microrganismi viventi (microbiota) nel sistema digestivo dei nostri animali domestici sono costituiti da batteri, funghi, virus e protozoi e ci sono circa 100 trilioni di queste cellule microbiche. Esse hanno un’ enorme influenza sulla salute del vostro cane o gatto.

Il giusto equilibrio della flora intestinale è necessario per regolare il sistema immunitario, la difesa contro agenti patogeni e per fornire nutrimenti all’organismo.

Quando esiste uno squilibrio significa che non ci sono forniture sufficienti di batteri buoni oltre ad una crescita eccessiva di batteri cattivi e talvolta il lievito può portare alla disbiosi con una lunga lista di disturbi gastrointestinali e di altre malattie, spesso apparentemente non correlate.

Le cause della disbiosi intestinale negli animali

crocchette per cani tossiciLa causa più comune della disbiosi in veterinaria è l’alimentazione che spesso è carente di vitamine e minerali, soprattutto quegli alimenti che contengono una lunga lista di conservanti e additivi.

I nutrienti presenti nei cibi per gli animali (specie le crocchette) vengono purtroppo alterati dalla cottura diventando meno facilmente assorbibili dall’intestino; questo causa residui tossici che infiammano le pareti intestinali e alterano la flora batterica con un conseguente calo delle difese immunitarie (l’80% si trovano nell’intestino) e una predisposizione dei nostri amici ad allergie, parassitosi e a varie infezioni dermatologiche .

Inoltre, spesso, i cibi per animali contengono muffe, metalli pesanti e scarti di macellazione che rappresentano un ulteriore pericolo per la salute.

Anche l'uso eccessivo di antibiotici indebolisce la barriera intestinale.

A peggiorare la situazione si aggiunge l’utilizzo di ulteriori farmaci come i corticosteroidi o FANS che vengono somministrati insieme con gli antibiotici. Questi farmaci aggravano i problemi intestinali creati dagli antibiotici.

Quali sono i sintomi della disbiosi negli animali

I principali sintomi degli animali domestici con un problema di disbiosi sono meteorismo, gonfiore e diarreaMa la disbiosi può anche causare una vasta gamma di altri sintomi e manifestazioni che includono:

  • carenze nutrizionali
  • alcuni tipi di cancro
  • malattie autoimmuni
  • disturbi di fegato, cistifellea e pancreas
  • anomalie comportamentali
  • cistite
  • dolori articolari
  • patologie cardiache
  • iperattività 
  • occhi asciutti
  • difficoltà respiratorie, tra cui l'asma
  • aumento o diminuzione di peso
  • convulsioni
  • allergie
  • alito cattivo

Come proteggere la barriera intestinale dei nostri animali

Per prima cosa è consigliato cambiare l’alimentazione, scegliere di passare al cibo disidratato di grado alimentare umano facilmente digeribile: il processo di disidratazione mantiene infatti integri i nutrienti senza alterarli.

Gli alimenti Pure non contengono cereali né glutine e allergeni e sono ricchi di proteine, per garantire una dieta sana ed equilibrata.

Evitare ingredienti stracotti che alterano le proteine, le vitamine, i minerali, i grassi nel cibo oltre che perdere gli enzimi. Il cibo cotto è carente di vitamine, minerali ed enzimi perché il calore prolungato li distrugge o li altera quasi del tutto e questo rende difficile la loro assimilazione nel tratto gastrointestinale e tutto quello che non si assimila diventa un rifiuto o una tossina di cui il corpo deve sbarazzarsi a fatica.

Integrare

I Probiotici sono estremamente importanti nel trattamento della disbiosi. Essi riforniscono l’intestino del vostro animale domestico con batteri buoni e impediscono una crescita eccessiva di batteri cattivi. Spesso i probiotici risultano carenti o addirittura assenti in qualunque tipo di alimentazione.

I probiotici sono essenziali per mantenere l’equilibrio della flora intestinale, un buon funzionamento del sistema immunitario e la produzione di acidi grassi a corta catena.

Gli acidi grassi a corta catena possiedono una spiccata azione antinfiammatoria a livello del colon e sono in grado di contenere i fenomeni putrefattivi (causati dagli alimenti non digeriti) che causano intossicazioni.

Esistono in commercio integratori di probiotici appositamente studiati per cani e gatti abbinati a prebiotici (frutto oligosaccaridi) che sono fibre solubili come l'inulina che danno nutrimento  ai probiotici aiutandoli a crescere all'interno del colon.

E' importante sceglierne uno che abbia almeno 2 miliardi di CFU (le unità delle colonie di probiotici).

Per i casi più complessi o per cani più anziani, è utile integrare anche con dell'Aloe Vera,  possibilmente senza aloina,  per sostenere la digestione.

Inoltre aiuta a lenire e a pulire il tratto digestivo ed esplica inoltre anche un'azione immunomodulante.

Si presenta in capsule, per gli animali basta aprire le capsule e mescolarle al cibo seguendo le istruzioni del prodotto acquistato.

Anche gli enzimi digestivi aiutano perché sono in grado sia di pre-digerire che di collaborare con gli enzimi pancreatici per una migliore e più completa digestione e assimilazione degli alimenti, prevenendo la formazione di macromolecole non digerite che contribuiscono alla permeabilità intestinale.

Consiglio di scegliere un integratore a base di enzimi digestivi e che contenga anche minerali e oligoelementi come magnesio, manganese, calcio e rame.

Gli enzimi e i minerali nelle giuste quantità favoriscono un miglior assorbimento degli enzimi. Quando la digestione è agevole e funziona correttamente, l’ organismo può assorbire meglio le sostanze nutritive.

Consulenza Gratuita Personalizzata

In casi di malattie del cane o del gatto consultare il vostro veterinario di fiducia. Per maggiori informazioni o una consulenza personalizzata per il vostro amico a quattro zampe, potete contattare il naturopata e chiedere una consulenza gratuita compilando il seguente modulo.

Un pensiero su “Se Ignori questo Sintomo potresti Ridurre di Metà la Vita del Tuo Pet”

Lascia un Commento