it en
Change your language here!
819048 714 381
71427321893

Cosa C'è Dietro il Prurito e i Problemi Gastrointestinali del tuo Cane?

Cane mangia crocchetteGli animali con allergie ambientali, tendono a soffrire in primavera e in autunno. Molti cani, però, avvertono prurito indipendentemente dal periodo dell'anno. Se riscontri questo nel tuo amico a quattro zampe, è molto probabile che qualcosa nella sua dieta possa provocare questa reazione. Poiché la maggior parte delle allergie negli animali domestici, indipendentemente dalla fonte, tende a manifestarsi in pelle pruriginosa e infiammata, può essere difficile inizialmente sapere se un animale ha un'allergia ambientale (stagionale) o alimentare. È anche importante capire che mentre il termine "allergia alimentare" è comunemente usato, le vere allergie alimentari negli animali domestici sono molto meno comuni delle intolleranze o sensibilità alimentari. Cani e gatti con sensibilità a qualcosa nella loro dieta, in genere hanno sintomi come prurito della pelle, infezioni della pelle e dell'orecchio e, talvolta, vomito e diarrea. A differenza di esseri umani e dei gatti, che hanno quasi sempre sintomi gastrointestinali (GI) quando consumano cibi reattivi, i cani hanno molte più probabilità di sviluppare prima problemi della pelle. Ci sono alcuni indizi che i sintomi allergici del tuo amico a quattro zampe ci fanno pensare che potrebbero essere legati al cibo, tra questi:

  1. È giovane - sotto i 6 mesi - o i suoi sintomi non sono comparsi fino a quando non aveva più di 6 anni.
  2. La sua razza è incline alle intolleranze alimentari.
  3. Ha piaghe o danni alla pelle intorno alla zona del collo, specialmente sotto il colletto, e presenta prurito intorno alla testa.
  4. Ha ricevuto una terapia steroidea per le allergie (che non consiglio), ma il trattamento non ha fornito sollievo a lungo termine.
  5. Ha sintomi gastrointestinali intermittenti.

Se il tuo animale ha problemi digestivi come vomito, diarrea o stitichezza, è importante riconoscere che questi sintomi sono anche comuni a malattie infiammatorie intestinali (IBD) o quando è presente una permeabilità intestinale (disbiosi). Queste cose, possono predisporre gli animali domestici a sensibilità alimentari, e non sono sempre indicativi di un'intolleranza a un particolare alimento o ingrediente. Gli animali con infiammazione gastrointestinale, per qualsiasi causa, hanno spesso sensibilità alimentari concomitanti e viceversa. Per migliorare efficacemente questi pazienti a lungo termine, entrambe le condizioni devono essere gestite contemporaneamente per ottenere un miglioramento.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Cibo probiotico per caniCome si Sviluppano Allergie e Intolleranze Alimentari

Quando il tuo animale domestico ha una vera allergia alimentare, il suo sistema immunitario intestinale (tessuto linfoide associato all'intestino, o "GALT") percepisce erroneamente che qualcosa nella sua dieta sta attaccando il corpo. Per affrontare la "minaccia", il sistema immunitario reagisce lanciando un contrattacco proprio come farebbe contro un pericolo infettivo reale, e quindi produce anticorpi IgE che provocano una massiccia risposta infiammatoria. Quando il tuo cane ha sensibilità o intolleranza alimentare a un composto o ingrediente nel suo cibo, la risposta interna può essere la produzione di anticorpi IgA o IgM, ma i sintomi esteriori (problemi cutanei e gastrointestinali) possono essere identici a una vera allergia alimentare. Alcune sostanze nella dieta hanno maggiori probabilità di scatenare sintomi rispetto ad altre e, sfortunatamente, il nutriente di cui il tuo cane ha più bisogno, le proteine, a volte può rappresentare il colpevole numero uno. Sebbene non sia stata pubblicata alcuna ricerca sul motivo per cui i gli animali carnivori possono reagire alle proteine (la maggior parte della loro dieta ancestrale), i veterinari concordano che i contaminanti estranei nei prodotti animali d'allevamento potrebbero essere i colpevoli. Gli ormoni della crescita, gli antibiotici e i residui chimici possono essere i fattori scatenanti della permeabilità intestinale, che può preparare il terreno al verificarsi di reazioni immunitarie anormali (1). Se avessimo più generazioni di animali domestici allevati esclusivamente con diete organiche, pulite, fresche e specifiche per specie, potremmo condurre studi per determinare se sviluppano anche sensibilità alle proteine della carne. Se questa popolazione di animali non sviluppasse intolleranze alle proteine nella loro dieta, i nostri sospetti sui contaminanti estranei sarebbero confermati.

Leggi anche: Come Alimentare nel Modo Giusto il tuo Amico a Quattro Zampe

Carne crudo per caniTuttavia, poiché il 99,9% degli alimenti per animali domestici è prodotto con carni allevate in modo convenzionale (e solo i pezzi e le parti rimanenti e lavorati), mescolati con glifosato e cereali contaminati da micotossine, noti per distruggere il microbioma, (2) continueranno ad essere un problema per quasi tutti gli animali suscettibili. E per aggravare il problema, spesso è solo quando il tratto gastrointestinale è stato significativamente compromesso dall'infiammazione causata da un alimento reattivo, che un animale domestico inizia a mostrare sintomi di disfunzione digestiva.

Gli animali alimentati con lo stesso cibo giorno dopo giorno, per un periodo di mesi o anni, possono sviluppare una sensibilità non solo alla fonte proteica, ma a qualsiasi ingrediente presente nel cibo, inclusi cereali, legumi, verdure e sostanze chimiche alimentari aggiunte (coloranti, conservanti, emulsionanti, ecc.). Se il cibo è composto da materie prime economiche, ed è altamente lavorato (le crocchette vengono cotte 4 volte prima di raggiungere il sacchetto), (3) il cibo avrà al suo interno alti livelli di glicazione avanzata, che innescano anche una reazione eccessiva del sistema immunitario (4).

Presentazione di una Nuova Dieta

Quando un cane ha una reazione a qualcosa presente nella sua dieta, il corpo ha bisogno di una pausa da quel cibo. Dopo aver determinato le intolleranze alimentari del tuo cane con un test salivare, la raccomandazione è di introdurre una nuova dieta per promuovere la guarigione. Ciò significa passare ad un alimento diverso a cui non è sensibile, composto da ingredienti con cui il suo corpo non ha familiarità. Sfortunatamente, molti alimenti per cani che affermano di contenere "nuove proteine", non sono proprio conformi a quello che dicono. Inoltre, l'etichettatura errata degli alimenti per animali domestici è un problema diffuso, quindi se hai intenzione di seguire una nuova dieta trasformata disponibile in commercio, tieni presente che conterrà senza dubbio ingredienti che stai cercando di evitare. Per evitare che ciò si verifichi, ti consiglio di optare per alimenti della Cookieswil è un'azienda di origine spagnola, nata con una filosofia molto chiara, per fornire integratori alimentari veramente naturali e sani per gli animali domestici, e produce quindi mangimi di altissima qualità. Poiché non abbiamo un modo per quantificare la reattività di un animale domestico alle micotossine, ai pesticidi, ai coloranti, ai conservanti chimici e agli AGE che si trovano nella stragrande maggioranza degli alimenti per animali ultralavorati, l'approccio più sicuro, soprattutto per i primi mesi, è quello di preparare in casa i pasti, così da controllare praticamente tutto ciò che entra nella bocca del tuo animale.

La seconda opzione è un cibo fresco, disponibile in commercio per uso umano, contenente una proteina non comune, prodotto da un'azienda di cui ti fidi. È molto importante che tutti gli alimenti a cui reagisce il tuo animale domestico siano evitati per almeno 2 (e preferibilmente 3) mesi. Gli animali spesso sperimentano una reazione sia alle fonti primarie di proteine che di carboidrati nella loro dieta. Oltre ad evitare tutti gli alimenti problematici, è importante ridurre o eliminare gli ingredienti di riempimento e i nutrienti sintetici, che possono avere un ruolo nelle sensibilità alimentari e nelle condizioni infiammatorie. Soddisfare questi criteri per una prova alimentare di successo può essere difficile quando si esaminano le opzioni commerciali di alimenti per animali domestici. Credo anche che gli animali domestici con intolleranze alimentari se la cavino meglio con una dieta a basso contenuto di amido. L'amido (che rappresentano carboidrati solubili) sono pro-infiammatori per il corpo e possono esacerbare la crescita eccessiva batterica dell'intestino tenue (SIBO) e la disbiosi.

Crocchette per caniReintrodurre una Dieta Regolare

Un cane con intolleranze alimentari dovrebbe seguire una nuova dieta per un minimo di otto settimane (una volta completamente svezzato con il nuovo cibo) e preferibilmente 12 settimane, per consentire al corpo di eliminare le sostanze allergeniche e iniziare il processo di disintossicazione. Durante questo periodo di 3 mesi, è importante lavorare anche per risolvere la disbiosi (sindrome dell'intestino permeabile, che deriva dalla risposta infiammatoria nel tratto gastrointestinale) con la terapia riparativa del microbioma e i nutraceutici necessari per affrontare la causa principale del problema. È qui che è importante collaborare con un veterinario che abbia una certa esperienza nella cura della disbiosi. Poiché ogni caso di intolleranza alimentare è diverso, ancora una volta, raccomando un protocollo formulato su misura. Molti protocolli di permeabilità intestinale e/o di allergia non sono particolarmente utili e possono persino esacerbare i sintomi, perché non si adattano bene ai problemi specifici dell'animale. Una volta che l'animale domestico è stabile e sta bene, incoraggio sempre i proprietari a trovare almeno 1 e preferibilmente 2 altre fonti proteiche ben tollerate, in modo che ogni 3-6 mesi possano ruotare le proteine e, si spera, evitare recidive future. La varietà nutrizionale (marchi diversi e fonti proteiche) è uno dei modi migliori per prevenire l'insorgere di intolleranze alimentari.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Riferimenti:

1 - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22109896/

2 - https://gmoscience.org/2020/01/15/glyphosate-and-roundup-disrupt-the-gut-microbiome-by-inhibiting-the-shikimate-pathway/

3 - https://truthaboutpetfood.com/how-many-times-are-ingredients-cooked-in-kibble-pet-foods/

4 - https://www.mdpi.com/2072-6643/9/8/835

Matea Skubic
Sull'autore Matea Skubic

Sono una grande amante di tutti gli animali, e ho due cani vivaci e una gatta capricciosa. Da sempre ero interessata nel vivere una vita sana. Avendo letto diversi libri sull'alimentazione salutare e adeguata per gli animali domestici, ho realizzato che sul mercato esisteva una scarsa disponibilità di integratori naturali per animali di qualità elevata. Per questo motivo offriamo nel nostro negozio Fitopets solo prodotti di qualità, che hanno dimostrato essere efficaci con gli animali domestici. Mi tengo aggiornata e partecipo a vari seminari sul tema della salute e della cura dei cani e dei gatti.

La più grande soddisfazione che posso realizzare è un proprietario contento e un pelosetto felice e in salute.

Lascia un Commento