Change your language here!

Servizio gratuito numero


FitoPets Italiano

  • Rimedi Naturali per Infezioni alle Orecchie del cane e gatto

    Quando il cane o il gatto continua a grattarsi l'orecchio, scuotere la testa, oppure dalle sue orecchie proviene una perdita maleodorante, potrebbe trattarsi di un'otite.

    Che Cosa Causa le Infezioni dell'Orecchio nei Cani e nei Gatti ?

    Quando il cane o il gatto ha un'infezione alle orecchie, di solito, è causata da un batterio, un fungo o un lievito.

    Il canale esterno dell’orecchio degli animali è un luogo spesso esposto a corpi estranei. Le orecchie, come tutte le parti del corpo, hanno normalmente alcuni batteri. Le infezioni nell’orecchio (otite) nel cane e nel gatto si verificano quando i batteri e/o i lieviti sono in eccesso oppure quando sono sostituiti da organismi patogeni.

    Le infezioni dell'orecchio negli animali possono essere causate anche da allergie alimentari, parassiti, corpi estranei, traumi, eccessiva umidità o fattori ereditari.

    Il canale esterno dell’orecchio degli animali è un luogo spesso esposto a corpi estranei, batteri, lieviti e acari. Se l'infezione nel canale esterno dell'orecchio non viene trattata, nel tempo il timpano dell’ animale diventa poroso e l'infezione viaggia dal canale esterno dell’orecchio attraverso il timpano all'orecchio interno.

    Se non trattate in tempo le infiammazioni e le infezioni all'orecchio nei cani e nei gatti possono portare velocemente a serie conseguenze per la salute.

    Le infezioni dell'orecchio possono diventare croniche e portare alla sordità e alla paralisi facciale.

    Continua a leggere

  • Depura Naturalmente l'Insufficienza Renale nei Gatti e Cani

    L’insufficienza renale negli animali è una malattia ormai molto diffusa che colpisce maggiormente i gatti rispetto ai cani.

    Con l’insufficienza renale i reni non lavorano più e, non essendo più in grado di filtrare le sostanze di scarto, il sangue non riesce a essere purificato, di conseguenza l'intero sistema comincia a deteriorarsi.

    Si viene così a creare un’alterazione in quella che è la composizione dei liquidi organici, in particolar modo del sangue, quindi avviene una forte diminuzione di elettroliti (sodio e potassio), con conseguente aumento di sostanze dette azotate e di scarto, che si traduce in un accumulo di ammoniaca, metaboliti, nitrati e altre tossine nell’organismo dell’animale.

    Queste sostanze in condizioni normali sarebbero eliminate attraverso le urine (come urea e creatinina). Non essendo i reni più in grado di filtrare e concentrare le urine, queste risulteranno molto più abbondanti e frequenti.

    Continua a leggere

  • Sintomi e segni del diabete nei cani

    Anche i cani possono soffrire di diabete. Sono due i tipi di diabete che possono colpire il nostro amico a quattro zampe: quello insipido e quello mellito.

    Il diabete insipido è una forma molto rara e può essere determinata solo dopo specifici esami del sangue e delle urine. Il diabete mellito, e in particolare quello di tipo 1 o insulino-dipendente, è di gran lunga il più comune.

     

    L'insulina, le sue Funzioni e come viene Prodotta

    Negli animali sani l'insulina viene prodotta e rilasciata da cellule specifiche nel pancreas. Essa, tra le funzioni più importanti, ha quella di regolare i livelli di glucosio ematico, riducendo la glicemia mediante l'attivazione di processi metabolici e cellulari differenti.

    I cani che presentano diabete mellito di tipo 1, non hanno abbastanza insulina nel sangue, perché le loro cellule pancreatiche specifiche per fare questo, o sono assenti o non presentano una funzione normale. Questo impedisce loro di metabolizzare correttamente lo zucchero alimentare, che a sua volta provoca livelli elevati di zucchero nel sangue (iperglicemia) e livelli di glucosio nelle loro urine (glicosuria).

    Continua a leggere

  • Antinfiammatori naturali per cani: ecco i migliori 

    L'organismo dei nostri amici a quattro zampe è molto complesso. Sia dal punto di vista anatomico che fisiologico, il corpo dei cani è simile a quello umano e allo stesso modo è soggetto a contrarre varie malattie. Un'infiammazione non rappresenta una condizione grave e quindi non può essere considerata una malattia vera e propria, anche se può essere causata da diverse patologie. Per questo motivo è consigliabile una visita dal veterinario, non appena si presenta qualche problema che può far pensare ad un'infiammazione.

    E' possibile, sempre sotto indicazioni del veterinario che segue il vostro amico a quattro zampe, ricorrere anche ad antinfiammatori naturali, curando così il vostro cane in maniera naturale. Vediamo, appunto, quali sono i migliori antinfiammatori naturali per cani, ma prima focalizziamo l'attenzione sui processi che portano ad un'infiammazione nel nostro amico a quattro zampe.

    Continua a leggere

  • Come Difendersi da Diarrea Acuta e Cronica nel Cane e nel Gatto

    Un singolo attacco di diarrea generalmente non è motivo di preoccupazione, ma se persiste per più di un giorno può indicare un problema di salute e può portare alla disidratazione.

    Esistono molti fattori che possono causare la diarrea negli animali domestici: un cambio improvviso nella dieta, un’infestazione di parassiti, infezioni virali e batteriche nel tratto gastrointestinale, allergie alimentari, stress, ingestione di corpi estranei, come bastoni o corteccia di alberi.  Per esempio nel gatto la pancreatite (infiammazione del pancreas) e l'ipertiroidismo presentano come sintomo la diarrea.  Anche malattie di fegato, reni, pancreas o un blocco intestinale possono provocare diarrea. 

    Continua a leggere

  • Le Migliori Erbe e Cibo per Tiroidite nel Cane/Gatto

    Oggigiorno sempre più gli animali domestici soffrono di problemi alla tiroide. La ghiandola tiroidea produce ormoni che influenzano il metabolismo, la crescita e lo sviluppo dell’organismo.

    I due ormoni più importanti sono tetraiodotironina (tiroxina o T4) e triodotironina (T3). Ci sono due condizioni causate da una ghiandola tiroide disfunzionale - ipertiroidismo e ipotiroidismo. L'ipertiroidismo è più comune nei gatti ed è causato da una ghiandola tiroide iperattiva con la conseguente sovrapproduzione degli ormoni. L'ipotiroidismo è più comune nei cani, è causato da una ghiandola tiroide attiva che non produce abbastanza ormoni e che determina un metabolismo ridotto.

    Continua a leggere

  • Sai perché il tuo cane/gatto è sempre assetato e stanco?

    Ti ritrovi improvvisamente a riempire la ciotola d'acqua del tuo amico a quattro zampe più del solito? La sete eccessiva può essere un sintomo iniziale di un problema di salute.

    I problemi di salute più comuni associati alla polidipsia, ovvero eccessiva sete, includono la malattia di Cushing, l'insufficienza renale e il diabete.

    Anche letargia, stanchezza e debolezza sono sintomi molto comuni di alcune malattie degli animali, anche se piuttosto vaghi.

    Un cane letargico appare sonnolento, pigro e / o indifferente. Risponde apatico ai suoni e ad altri stimoli nel suo ambiente. La letargia o l'esaurimento sono sintomi non specifici che possono segnalare un certo numero di potenziali disturbi. Se l’animale domestico è letargico per più di 1 giorno, bisognerà sentire il proprio veterinario.

    Continua a leggere

  • Cosa si Nasconde dietro l’Alito Cattivo (Alitosi) nel mio Cane/Gatto?

    Tutti noi sappiamo riconoscere l’alitosi nei nostri amici a quattro zampe, loro non sono timidi e non si fanno problemi a tenere la bocca aperta. Ma trascorrere qualche minuto con un cane o un gatto con problema di alitosi, non è sicuramente un’esperienza gradevole. L'alito cattivo non è solo una cosa sgradevole per te - può significare qualche problema di salute per il tuo amico a quattro zampe.

     Il respiro maleodorante è il risultato di un accumulo di batteri che producono odori nella bocca o nei polmoni dell’animale. Quando l’alito cattivo è persistente può indicare che l’animale ha bisogno di una migliore cura odontoiatrica, infatti spesso l'alito cattivo è causato da malattie odontoiatriche o gengivali e alcuni cani, in particolare quelli piccoli, sono particolarmente soggetti a placca e tartaro.

    L’alito cattivo può indicare anche che qualcosa non funziona bene nel suo tratto gastrointestinale, nel fegato, nei reni o nel sistema respiratorio. In tutti i casi, l'alitosi è una spia rossa che dovrebbe essere indagata.

    Continua a leggere

  • Mio Cane/gatto Continua a Grattarsi, Come Posso Alleviare il Prurito?

    Notti insonni, durante le quali si cerca ogni mezzo possibile per impedire al cane di grattarsi. Per animali e proprietari un prurito continuo è un peso e rende la convivenza con gli animali che ne soffrono quasi insopportabile. Zampe morsicate a sangue, punti sensibili grattati e purulenti, labbra sbucciate sono alcuni dei risultati di un continuo prurito.

    La pelle è l’organo emuntore, ovvero organo deputato all’eliminazione di scarti di scorie e tossine, più esteso del corpo e dietro al prurito si nasconde una problematica interna più profonda.

    In medicina allopatica solitamente viene consigliato il cortisone e poi si finisce per prenderlo a vita perché, appena si smette di somministrarlo, il sintomo ritorna. Anziché cercare di inibire il sintomo, per prima cosa sarebbe utile individuarne le cause e prima di somministrare al proprio animale dei farmaci, spesso basta cambiare l’alimentazione o, per avere dei miglioramenti, eliminare gli elementi che causano allergie.

    Le cause del prurito negli animali possono essere molteplici. Le più comuni sono riconducibili a secchezza cutanea, stress, caldo. In altri casi invece potrebbero essere correlate a parassiti, intolleranze alimentari, dermatite e rogna.

    Continua a leggere

  • Come Contrastare la Sindrome di Cushing negli Animali Naturalmente

    La sindrome di Cushing, detta anche iperadrenocorticismo, si manifesta in presenza di una prolungata esposizione ad elevati livelli di cortisonici nel sangue e interessa l’ipofisi e le due ghiandole surrenali.

    La malattia è piuttosto frequente nel cane anziano e rara nel gatto. Le razze particolarmente predisposte sono soprattutto terrier, barboncini, bassotti ed eschimesi americani.

    Il cortisolo circolante in eccesso può essere prodotto nell’organismo dalle ghiandole surrenali, dovuto ad una disfunzione endocrina, oppure può essere assunto dall’esterno, attraverso l’eccessivo e prolungato utilizzo dei farmaci steroidei.

    Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 47 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5