it en
Change your language here!
819048 714 381
71427321893

Come Crescere e Accudire Gattino Piccolo Appena Nato Senza Mamma

gatto guarda curiosoQuando ci troviamo in presenza di un gattino, diverse sono le cose da prendere in considerazione per quel che concerne l'aspetto relativo allo svezzamento. Il nostro amico a quattro zampe avrà bisogno di maggiore attenzione quando lo nutriamo, valutando tantissimi aspetti.

♥ È importante offrire al gattino appena nato la giusta nutrizione (1).

♥ Nutrire un cucciolo appena nato e rimasto orfano richiede moltissime attenzioni.

♥ Svezzare il gattino è un processo che va affrontato gradualmente.

♥ Evitare errori di alimentazione comuni assicurerà che il gatto sia ben nutrito e in buone condizioni fisiche per tutta la sua vita.

Quando si ha da poco adottato un gattino molto piccolo, ci si pone svariate domande su come allevarlo al meglio. L’alimentazione che seguirà il gattino sarà fondamentale per la sua salute e per il suo benessere futuro. Le scelte alimentari, inoltre, sono strettamente correlate all’età del gattino.

Come Nutrire un Gattino Appena Nato

I cuccioli appena nati dipendono interamente dalle loro madri, specialmente per il cibo. Se, per qualsiasi motivo, il gatto diventa orfano o viene separato dalla madre, è necessario seguire alcuni accorgimenti (2). La soluzione migliore sarebbe quella di trovare un’altra mamma gatta in grado di accettare il gattino orfano e di alimentarlo come se fosse suo.

Se non ci sono madri adottive disponibili, l’opzione di riserva, e l’unica possibile, è un sostituto del latte materno. Il latte di vaccino NON è sicuramente una buona scelta, poiché non è nutritivo e causa diarrea, estremamente pericolosa per i gattini molto piccoli. In caso di emergenza, è possibile usare questa miscela:

♥ 85 grammi circa di latte condensato
♥ 85 grammi di acqua
♥ 86 grammi di yogurt bianco
♥ 3-4 tuorli d’uovo

È anche possibile utilizzare latte di capra crudo e non pastorizzato.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

I gattini neonati (di età inferiore alle quattro settimane) non possono mangiare cibi solidi (in scatola, secchi) e non possono urinare o defecare da soli, quindi bisogna nutrirli continuamente 24 ore al giorno e stimolare i loro genitali dopo ogni poppata. Ad esempio, se i cuccioli sono di età inferiore a una settimana, dovranno essere nutriti e stimolati ogni tre ore (3).

Se i cuccioli sono insolitamente piccoli o malati, potrebbero dover essere nutriti ogni due ore. Il latte per il gattino va riscaldato appositamente e, quando è tiepido, va mescolato per bene. È importante ricordarsi di lavare le mani prima e dopo la poppata. I gattini dovrebbero essere nutriti a pancia in giù su un asciugamano o su un altro tessuto morbido, come se stessero prendendo il latte dalla loro mamma.

Come Allattare il Gattino

gattino allattato col biberonPer allattare il gattino, bisogna aprirgli lentamente la bocca con la punta del dito e infilare delicatamente il biberon. È estremamente importante evitare che l'aria entri nello stomaco, quindi bisogna reggere sempre il flacone con un angolo di 45 gradi e tiralo leggermente per incoraggiare a succhiare.

Se il gattino aspira aria e comincia a tossire e a manifestare soffocamento, è opportuno metterlo subito a testa in giù fino a quando non si è calmato.

Può accadere che il gattino non abbia abbastanza forze per succhiare, in questo caso bisogna rivolgersi ad un veterinario.

Quanto e Quanto Spesso Sfamare il Gattino

Il numero di poppate giornaliere dipende dall'età del gattino. Quando il gattino è sazio, potrà manifestare delle bolle intorno alla bocca e una pancia più grande. Il gattino non va sovralimentato (4), altrimenti può sviluppare una forte diarrea. Per evitare questo, bisognerebbe pesare il gattino tutti i giorni per individuare le dosi giuste di cibo.

Come regola generale, i cuccioli sotto 1 settimana dovrebbero essere nutriti ogni 2 o 3 ore; a 2 settimane, possono essere alimentati ogni 4-6 ore; dopo 3 settimane e fino allo svezzamento, dovrebbero essere nutriti ogni 6-8 ore. Se il gattino non manifesta nessun aumento di peso, allora è necessario rivolgersi al veterinario.

Lo Svezzamento del Gattino

A circa 2 o 3 settimane, quando i loro occhi sono completamente aperti e si muovono bene da soli, molti (ma non tutti) i gattini possono iniziare una transizione lenta al cibo solido (5). I segni che il tuo gattino è pronto per lo svezzamento includono mordere il capezzolo della bottiglia e leccare il latte direttamente dal dito.

Il passo successivo è mettere il latte in un cucchiaio, poggiarlo sul tavolo e aspettare che il gattino lo beva da solo. In seguito, si passerà al piatto. Dopo un po' di tempo è possibile aggiungere al latte nel piatto, anche degli alimenti per cuccioli in piccole dosi, un po' per volta.

Quando il gattino avrà completato anche questa fase, allora finalmente si potrà passare al cibo solito, o crudo oppure in scatoletta. Questo processo graduale è importante per evitare la perdita temporanea di peso e disturbi digestivi. Anche durante lo svezzamento, il gatto va pesato quotidianamente, per verificare che non ci siano perdite di peso e che quest’ultimo sia in aumento.

È importante assicurarsi che la dieta del gatto sia nutrizionalmente valida ed equilibrata.

Suggerimenti Alimentari per il Gatto

gattino mangia cibo solidoSeguire la giusta dieta: alcuni alimenti sono metabolicamente stressanti, ad esempio tutte le formule essiccate (crocchette), qualsiasi alimento trasformato per animali domestici, umido o secco, e alimenti contenenti cereali, patate o altri ingredienti ad alto tenore di amido.

La nutrizione (6) che genera la minor quantità di stress metabolico per la maggior parte dei gatti, indipendentemente dall'età, è la loro dieta ancestrale; intero, crudo, non trasformato, organico, non OGM e nella sua forma naturale.

Questo, naturalmente, include la carne animale, che dovrebbe essere il fondamento della dieta del gatto durante tutta la sua vita. La carne cruda deve essere congelata almeno 48 ore prima di essere servita per eliminare i parassiti. Gli alimenti che non sono stati altamente elaborati sono i più assimilabili per il corpo del gatto (7). Questi alimenti sono biologicamente appropriati, poiché mantengono inalterati i loro livelli di umidità.

Se per dei motivi non si riesce a dare cibo crudo, optare se possibile su opzioni sempre molto sane come il cibo disidratato o quello pressato a freddo. Evitare le classiche crocchette il più possibile, perchè fonti di praticamente tutte le malattie feline.

♥ Non offrire mai cibo per 24 h a base di latticini: spesso, i proprietari dei gatti, per comodità, lasciano all’animale il cibo sufficiente per 24h. Di solito, vengono lasciati a disposizione del gatto molti latticini, poiché si conservano bene a temperatura ambiente. Questo comportamento è sbagliato e favorirà l’obesità del gatto.

♥ Dare con parsimonia le leccornie al gatto: è importante ricordare che i dolcetti non sono una forma completa di nutrimento per il gatto (8). Inoltre, è importante offrire al gatto snack salutari, per evitare l’obesità ed altre patologie.

♥ Evitare pasti con troppi gatti: i gatti, a differenza dei cani, non amano mangiare in branco. I felini sono cacciatori solitari e la condivisione è per loro estranea, a meno che una femmina non stia allattando i suoi cuccioli. Molte famiglie hanno più di un gatto, i quali vengono spesso nutriti in gruppo (9), il che può portare a gatti stressati e competizioni alimentari in cui i gattini mangiano più cibo e più velocemente di quanto farebbero se cenassero da soli.
I gatti vanno nutriti separatamente, in modo da poter prestare attenzione anche a cosa mangiano e a quanto mangiano.

♥ Offrire molte fonti di acqua: in natura, i felini soddisfano facilmente le loro esigenze di idratazione quando mangiano piccoli animali da preda, che rappresentano circa il 70% di acqua. La natura progetta i gatti per idratarsi attraverso la loro dieta. Il cibo secco, che sfortunatamente è quello prediletto dai proprietari dei gatti, contiene solo dal 5 al 10% di acqua (10). Al contrario, una dieta equilibrata, a base di carne e nutrizionalmente equilibrata, ha circa il 70-80% di acqua, così come il cibo per gatti in scatola.

Leggi anche: I Vaccini Omeopatici Nosodi Sono Efficaci per Cani e Gatti?

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Riferimenti:

1 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6597346/

2 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5897525/

3 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6589452/

4 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5658157/

5 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5775588/

6 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6262854/

7 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3997493/

8 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5115195/

9 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6060449/

10 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5753635/

Aljaz Vavpetic
Sull'autore Aljaz Vavpetic
Naturopata Riza e Counselor Gestalt che studia e si dedica al benessere olistico dal 1999. Inizialmente offriva consulenze dal vivo nel suo studio, poi riconoscendo una grande mancanza di integratori di qualità senza additivi e antiagglomeranti, ha deciso nel 2013 ad aprire due negozi online con prodotti naturali difficili da reperire e con proprietà naturali fuori dal comune. Dopo oltre 5000 consulenze, diventa autore della "Guida Olistica per la Salute" con oltre 100 programmi naturali per aiutare contro i comuni disagi moderni, e della "Guida Olistica per la Salute degli Animali", che sono le raccolte più complete di approcci naturali olistici online in Europa. Entrambe le guide vengono aggiornate ogni mese e spedite gratuitamente a chi lo segue via newsletter.
Lascia un Commento