it en
Change your language here!

Come Gestire e Trattare Naturalmente l'Ipertiroidismo nei Gatti

L'ipertiroidismo è una condizione patologica che si manifesta quando c'è una sovrapproduzione di ormoni tiroidei (principalmente T4) causata da un tumore della ghiandola tiroidea. Questo tumore nel 97% dei casi è benigno.

Un aumento degli ormoni tiroidei aumenta il tasso metabolico ponendo sotto gatto vecchio con ipertiroidismosforzo reni, cuore, sistema nervoso, il tratto gastrointestinale, il fegato e tutti gli altri organi del corpo. Il corpo del gatto che soffre di ipertiroidismo è paragonabile ad un motore di un'auto su di giri che consuma carburante e lavora moltissimo.

Quando c'è una condizione di ipertiroidismo ogni organo è sottoposto ad un aumento anomalo del metabolismo. Il cibo è il carburante del gatto e viene metabolizzato con un ritmo più veloce rispetto alla norma comportando un aumento della fame e una conseguente perdita di peso. L'ipertiroidismo nel gatto può essere fatale se non viene trattato nella maniera adeguata.

Quali sono i sintomi dell'ipertiroidismo?

Dal momento che la presenza elevata di ormoni tiroidei influenza negativamente tutti gli organi del corpo del gatto, i sintomi clinici sono estremamente vari, ma quelli più comuni sono i seguenti:

  • aumento dell'appetito
  • perdita di peso
  • iperattività
  • aumento della sete e della minzione
  • vomito
  • diarrea
  • malattie cardiache - aumento della frequenza cardiaca
  • aumento della frequenza respiratoria
  • anomalie di pelo e unghie
  • comportamenti irrequieti e variazioni del sonno
  • ipertensione

In particolare, se il gatto ha le pupille molto dilatate, è possibile che ci sia un distacco della retina causato dall'ipertensione che porta a totale cecità. Non tutti i gatti ipertiroidei diventano anche ipertesi però è buona norma far monitorare la pressione arteriosa con una certa costanza.

Le possibili cause di ipertiroidismo possono essere:

1) Inadeguati livelli di iodio nel cibo del gatto; ovvero troppo bassi o troppo alti. Purtroppo, lo iodio è la sostanza nutritiva che scarseggia di più negli alimenti per gatti e questa cosa influisce in maniera negativa.

2) PBDE- I PBDE sono sostanze chimiche ignifughe che possono trovarsi in alte concentrazioni sia in alcuni pesci che nella polvere di casa. I PBDE influenzano la funzione della tiroide e siccome gli alimenti per gatti sono ad alto contenuto di pesce ci può essere un nesso tra l'incidenza di ipertiroidismo e l'alimentazione basata sul pesce.
polvere in casaInoltre, moltissimi elementi che ci circondano contengono PBDE come ad esempio l'imbottitura dei mobili, i materassi, i cuscini, i tappeti, i copri sedili dell'auto, gli elettrodomestici della cucina, i pc, la televisione, le stampanti, i phon e il telefono cellulare. E' quindi necessario stare molto attenti quando maneggiamo questi oggetti o quando li puliamo a non disperdere le loro polveri nell'ambiente,  soprattutto in presenza dei gatti.
Uno studio fatto su gatti selvatici e gatti domestici ha dimostrato che questi ultimi sono più soggetti all'ipertiroidismo poiché sono più esposti ai PBDE e ad altre sostanze ignifughe.

3) La soia interferisce con la ghiandola tiroidea ed è presente in molti alimenti per gatti. Nel 60% dei casi, la soia è contenuta nel cibo per gatti in quantità elevatissime. 

4) BPA (bisfenolo A) - Il BPA è un noto interferente endocrino e può causare ipertiroidismo. Esso si trova nel rivestimento interno di alcune lattine di cibo per gatti. 


Le soluzioni per l'ipertiroidismo sono quattro:

 - la terapia con iodio radioattivo
 - la terapia farmacologica (metimazolo)
 - la chirurgia
 - una dieta povera di iodio anche se quest'ultimo metodo è quello meno efficace.

Lasciare il corpo del gatto privo di iodio può compromettere le funzioni degli altri organi, come il seno, danneggiare il sistema immunitario e compromettere la funzione surrenale. Inoltre, in caso di tumore alla tiroide, la sola dieta priva di iodio non può di certo combattere la malattia che con il passare del tempo rischia di peggiorare
L'ipertiroidismo è una patologia molto comune soprattutto nei gatti anziani che hanno superato il decimo anno di età. La raccomandazione più importante è quella di prestare moltissima attenzione ai PBDE che tra le cause dell'ipertiroidismo rappresentano il pericolo maggiore. La loro pericolosità risiede nel fatto che essi si trovano nella polvere di casa e il gatto ne è a strettissimo contatto quotidianamente.

Quando i gatti raggiungono il decimo anno di età è opportuno fare controlli annuali alla tiroide. Per aiutarli a gestire e superare questa patologia  è possibile ricorrere ad alcune piante presenti in natura.

La leonuris cardiaca è una pianta che esplica la sua attività terapuetica sull'apparato cardiocircolatorio riducendo quindi la tachicardia tipica dell'ipertiroidismo. La sua azione sedativa a livello del sistema nervoso centrale e cardiaco è favorita se viene assunta in associazione con altre piante sedative a livello del sistema nervoso come la Melissa officinalis. Quest'ultima infatti, oltre a rilassare la muscolatura liscia (cuore e visceri) è anche un leggero inibitore delle funzioni tiroidee.

La Bugola Bugola, riduce l'attività degli ormoni tiroidei e aumenta l'assorbimento e la disponibilità dello iodio.

Infine vi è la radice di Rehmannia che a seconda di alcuni studi condotti, ha un'azione rasserenenante, antistress e contribuisce a normalizzare i livelli degli ormoni tiroidei.

L'ideale è utilizzare un prodotto sotto forma di gocce (macerati glicerinati privi di alcol) formuate per animali a base di erbe come quelle descritte sopra in modo da modulare la tiroide iperattiva.

Si consiglia di sceglierne uno che sia provenienza biologica certificata e privo di stimolanti quindi senza effetti collaterali.

IMPORTANTE: finchè non si elimina il tumore benigno, dovrete per sempre utilizzare un integratore a base di piante o qualsiasi altro prodotto/farmaco state utilizzando.

Se volete liberarvi dal tumore benigno senza l'intervento chirurgico o senza la terapia con iodio radioattivo, l'unica opzione potrebbe usare l'uso combinato di alcune erbe come l'acetosa che ha proprietà depurative, diuretiche e antinfiammatorie grazie alla presenza di ossalati e antrachinoni ed un alto contenuto di Vitamina C (circa 80/100mg che rappresenta la metà del fabbisogno giornaliero di questa preziosa vitamina) . Inoltre, si è visto come quest'ultima sia in grado di lavorare in sinergia con altre piante agendo in maniera specifica laddove vi è intossicazione.

La radice di bardana è anch'essa una pianta che svolge un'ottima azione detossinante su fegato e reni e fornisce un valido aiuto nel mantenere i livelli glicemici nella norma oltre che a favorire l'equilibrio della flora intestinale fondamentale per un buon funzionamento del sistema immunitario.

Infine, la radice di rabarbaro, oltre che alle sue note proprietà depurative e diuretiche, possiede anche un'azione antitumorale grazie al suo contenuto di di beta-carotene, luteina e zeaxantina che proteggono i tessuti dai radicali liberi, ovvero gli scarti del metabolismo cellulare pericolosi perché possono trasformare le cellule sane in cellule cancerose. 

Per concludere, se il gatto mangia crocchette è fondamentale passare a cibo umido disidratato e biologico.

 

12 pensieri su “Come Gestire e Trattare Naturalmente l'Ipertiroidismo nei Gatti”

  • filomena guidi

    buongiorno, ho scoperto da pochi giorni che la mia gattina LEDY è affeta da ipertiroidismo. Non ho ancora la cura, domani vadfo dal veterinario, ma vedo che ho provato già aprendere una scatoletta x gatti con questo problema, ma lei non la mangia, abituata a Shecir, Felix; Gourmet. come posso fare?

    Replica
    • admin

      Salve, come alimentazione dovrebbe evitare marchi come Felix e Gourmet in quanto hanno pessimi ingredienti che non supportano la salute della tiroide. La migliore dieta sarebbe quella cruda (www.barf.it), ma ne parli col suo veterinario. Noi come aiuto offriamo il prodotto Thyropaws abbinato a Probiotic Miracle (probiotici) e DailySure gatti (fitonutrienti)

      Replica
  • Linda

    Buongiorno,sono un medico veterinario..il mio gatto da poco tempo ha iniziato a soffrire di ipertiroidismo..prima di passare alla terapia medica convenzionale sarei interessata a provare il vostro prodotto.dovr posso reperirlo?sono indicati i dosaggi?
    Grazie.
    Dott.ssa Linda. Galdi

    Replica
    • admin

      Salve,
      per ora è reperibile sono nel nostro negozio www.fitopets.com
      I dosaggi sono indicati sempre nel nostro sito: deve cliccare sul prodotto e appena si apre la pagina cliccare su "Istruzioni/Ingredienti".
      Grazie.

      Replica
  • Sandra

    Buonasera.ho una gatta di 17 anni che soffre di ipertiroidismo e insufficenza renale. Assume da 2 anni il Felimazole. Posso avere informazione sul vostro prodotto? Grazie Sandra.

    Replica
  • adelina friedmann
    adelina friedmann ottobre 8, 2017 alle 4:51 pm

    mio gatto non vuole consumare suo mangime con le gocce del vostro prodotto..m spiace molto,ma...veramente ha un odoro agro terribile!!

    Replica
  • Mara

    Buongiorno, ho una gatta di 16 anni e da uno e mezzo soffre di ipertiroidismo accertato da esami del sangue, purtroppo non tollera la cura con felimazole nemmeno ogni due gg, la abbatte tantissimo ... e vomita in continuazione i valori renali ok ma quelli del fegato sono il doppio del normale. Adesso stiamo andando avanti con 1/4 di compressa al mattino e 1/4 la sera di Zitac 100mg e abbiamo aggiunto una dose di pasta epato plus .... ma nulla ci sono giorni che non vomita ma ci sono giorni che vomita ovunque .....
    Volevo tentare con l’omeopatia.....
    Grazie

    Replica
    • Admin

      Buonasera,
      grazie per averci scritto. Noi non trattiamo questi disagi con l'omeopatia ma con un approccio erboristico naturale.
      Le invio il link per scaricare il pdf dove troverà tutti i consigli per i casi di ipertiroidismo felino: https://www.fitopets.com/consulenza-gratuita/

      Replica
  • MARIELLA MORELLATO
    MARIELLA MORELLATO maggio 9, 2018 alle 2:21 pm

    Abbiamo scoperto da due mesi che il nostro gatto di 16 anni e' affetto da ipertiroidismo ed il medico mi ha ordinato 1/4 di pastiglia tutti i giorni di Tapazole (uso umano).Devo dire che era ridotto ad uno scheletro,ora e' perfino ingrassato e sta benissimo.

    Replica
    • Admin

      Utilizzare per l'ipertiroidismo nei gatti il Tapazole a lungo termine provoca non pochi problemi, spesso ci si accorge della sua tossicità quando sono già presenti lesioni e disfunzioni organiche, quindi attenzione. Il prodotto naturale Thyropaws è invece privo di effetti indesiderati.

      Replica
Lascia un Commento