Change your language here!

Servizio gratuito numero


Perchè il Cane si Lecca le Zampe e Come Agire

Perché il vostro cane si lecca le zampe e nel caso lo faccia, come si dovrebbe agire al riguardo?

Cane che si lecca le zampeSono tantissimi gli articoli che parlano di questa problematica, ovvero del cane che tende a leccarsi le zampe. Ormai è parecchio conosciuto il significato di questo gesto. Per chi ancora non lo sapesse, possiamo dire in generale che si tratta di una reazione allergica. Tuttavia, spesso può risultare una cosa anche un po’ più complessa di quella che si può pensare, ed è per questo motivo che oggi vogliamo indicarvi le soluzioni migliori da scegliere per risolvere questo problema.

Esaminiamo le soluzioni

Farmaci, integratori, coni, museruole, cosa scegliere e cosa fare? Tutto questo spesso può essere motivo di confusione. Alcune soluzioni possono essere percorribili, ma altre invece no. Come si può trovare la strada più breve per risolvere il problema? Penso che possa essere tutto riassunto in un paio di semplici domande:

- E’ fisiologica ... nel corpo?

- E’ psicologica ... nella mente?

Due domande semplici, quindi, ma come si fa ad ottenere la risposta giusta? Un modo è quello di osservare la natura del leccare.

Quando leccarsi la zampa è un segnale fisiologico: se il vostro cane si lecca tutte e quattro le zampe, allora si tratta sicuramente di un segnale fisiologico. E’ probabile, quindi, che la causa sia un’allergia ambientale, alimentare, da pulci o da acari.

Quando leccarsi la zampa è un segnale psicologico: potrebbe essere un segnale psicologico se il vostro animale domestico si lecca una sola zampa o semplicemente la zampa anteriore. Questo potrebbe farlo per noia, stress o ansia.

Se si sospetta che il problema è fisiologico, allora bisogna effettuare le seguenti operazioni:

- Verificare la presenza di acari o le pulci (valutare l'uso di TripleSure e/o terra diatomacea), e se non vi è nessun parassita, allora bisogna andare a guardare quella che è l’alimentazione del vostro cane. Eliminate, quindi, i carboidrati indesiderati e scegliere alimenti che non contengono carne da allevamenti intensivi, cereali o glutine, e  integrate con dei probiotici. Una dieta equilibrata consente di superare il problema.

- Se il caso è più estremo, utilizzare anche un integratore creato per sedare la risposta allergica, ovvero Dermix,  specifico per i cani. Il prodotto è stato creato per combattere le allergie e per aiutare la salute della pelle e del pelo, fornendo nutrienti che combattono i radicali liberi, che vengono prodotti nello stato allergico.
Per agire insieme sia sulla digestione che sul sistema immunitario, non bastano solo i probiotici, ma servono anche gli enzimi, che offriamo nel più conveniente Miracle Pack. Questo prodotto ha insieme la forza dei probiotici e degli enzimi, che consentono di uccidere i lieviti e i batteri patogeni, portando un equilibrio all’interno del corpo del vostro cane.

Se si sospetta che il problema è fondamentalmente psicologico, bisogna effettuare le seguenti operazioni:

- Ridurre la noia al minimo, stimolando il vostro cane, riuscendo a mantenerlo fisicamente e intellettualmente attivo. Questo facendo degli esercizi, dei giochi per tenerlo sempre impegnato.

- Ridurre lo stress al minimo, evitando di perdere la pazienza con il vostro cane. Cane in relax no stressNon urlare e soprattutto non urlargli mai contro, anche se notate che si lecca e la cosa può diventare irritante anche per voi.


- Cercate di far sentire il vostro cane felice, rassicuratelo sempre, perché questo ridurrà ogni ansia, anche perché riesce a percepire quando c’è disapprovazione da parte del suo proprietario, oppure quando il proprietario stesso è ansioso, insicuro o stressato.

Se è necessario, mettete dei calzini al vostro cane, per impedire che si lecchi. Delle calze di cotone bianche, come quelle dei bambini sono la migliore soluzione. Questa cosa contribuirà a tenere sotto controllo il prurito.

Dunque, si tratta di un approccio semplice, che una volta scelto dovrà poi essere misurato, per capire quale risultato darà sul vostro cane. Questi consigli possono essere utilizzati per provare a trattare il problema, prima di cercare soluzioni differenti e magari più costose sia in termini economici che di tempo.

Se il problema non si risolve seguendo questi consigli, allora il passo successivo è quello di rivolgersi al vostro veterinario di fiducia, per poter intraprendere una cura che sia più specifica.

Lascia un Commento