it en
Change your language here!
819048 714 381
71427321893

Perché Non Bisogna Trascurare un Cane Che Si Gratta Continuamente?

Cane si grataLa pelle che genera prurito non è una cosa da sottovalutare e, purtroppo, troppi cani ne soffrono. Una cosa è avere una parte che prude occasionale, e che si risolve strofinandosi, grattandosi o applicando una lozione lenitiva sull'area interessata. Ma è tutta un'altra storia quando non si può alleviare il prurito, qualunque cosa venga fatta. La costante sensazione di solletico e la voglia di grattarsi fino a sanguinare, insieme al danno che inevitabilmente può causare alla pelle, possono provocare una significativa ansia.

Molti cani oggi soffrono di dermatite atopica (AD), una condizione allergica della pelle simile all'eczema nelle persone, che causa prurito a lungo termine. L'AD è spesso causato da un'ipersensibilità agli allergeni alimentari o ambientali, inclusi pollini, muffe, acari della polvere e antigeni di insetti. Nell'esperienza di tanti veterinari, anche le ipersensibilità chimiche possono svolgere un ruolo fondamentale in condizione.

Il Prurito può Influenzare Negativamente il Comportamento di un Cane?

Gli studi sugli esseri umani hanno collegato il prurito al disagio psicologico, che può portare a depressione e ansia, come sa fin troppo bene chiunque abbia mai sperimentato questa problematica. Non molto tempo fa, i ricercatori della School of Veterinary Medicine dell'Università di Nottingham nel Leicestershire, nel Regno Unito, hanno deciso di determinare se l'AD ha un effetto psicologico sui cani simile all'effetto sull'uomo. Il loro obiettivo era vedere se i cani con AD mostrano comportamenti problematici che potrebbero essere il risultato di stress psicologico causato dalla loro condizione. Lo studio ha coinvolto i proprietari di 895 Golden e Labrador Retriever reclutati attraverso uno studio online chiamato Itchy Dog Project (1) progettato per esplorare potenziali cause genetiche e ambientali dell'AD in queste due razze. Degli 895 cani, a 343 è stato diagnosticato l'AD. I restanti 552 cani servivano da controllo. Ai proprietari non è stata comunicata la premessa dello studio: è stato semplicemente chiesto loro di completare un questionario sulla salute e il comportamento della pelle del loro cane.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Lo studio dice che: un forte prurito è collegato a comportamenti problematici

Dallo studio pubblicato:

"I risultati hanno mostrato che la gravità del prurito nei cani con AD era associata a una maggiore frequenza di comportamenti spesso considerati problematici, come:

  • masticare ogni oggetto
  • iperattività
  • coprofagia [mangiare cacca]
  • rubare cibo
  • ricerca di attenzione
  • eccitabilità
  • toelettatura eccessiva (2)

Ciò che i risultati dallo studio effettuato ha mostrato che non c'è un legame tra l'AD canino e un comportamento generalmente ansioso, timoroso o aggressivo. Ciò ha portato i ricercatori a concludere che i risultati potrebbero indicare che i cani con diagnosi di AD, potrebbero soffrire di stress che poi causa del prurito.

Leggi anche: 4 Passaggi da Fare per Controllare le Infezioni da Lievito Canino

Pelle irritata nel caneL'Approccio Terapeutico Raccomandato

Se il tuo cane soffre di dermatite atopica, è importante cercare di trovare la causa sottostante, che sia alimentare o ambientale. È anche importante che un veterinario diagnostichi l'AD al tuo animale domestico, poiché ci sono molte altre condizioni che causano un intenso prurito che devono essere escluse. Molti veterinari vedono un enorme miglioramento dei sintomi, eliminando le fonti di cereali pro-infiammatorie e OGM (con molta contaminazione da glifosato), conservanti non necessari, vitamine sintetiche e tecniche di lavorazione tossiche, oltre all'aggiunta di grassi essenziali omega-3 alla dieta. Il cibo, infatti, può essere curativo o dannoso. La ricerca dimostra che una dieta alimentare fresca modula positivamente il sistema immunitario, portando a cambiamenti nell'espressione genica (chiamata nutrigenomica) rispetto a una dieta ultra-elaborata, coome quella con le crocchette (3). Passare i cani che soffrono di prurito a una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati e cibo più fresco, significa che dovrai nutrirli anche con una dieta antinfiammatoria.

I cani che mangiano solo cibi ultra-elaborati consumano prodotti finali della glicazione (AGE) più avanzati, che sono stati collegati a una maggiore incidenza di allergie alimentari (4). Uno studio ha rilevato che le probabilità di sviluppare dermatite atopica canina erano due volte più alte tra i discendenti di cani che mangiavano solo crocchette (5), quindi le scelte alimentari e le tecniche di lavorazione degli alimenti contano. Nel frattempo, per alleviare i sintomi, si può optare sempre per rimedi naturali e sicuri piuttosto che farmaci immunosoppressori, a meno che la qualità della vita dell'animale non sia pessima. In alcuni casi, i farmaci con effetti collaterali importanti vengono prescritti per un breve periodo di tempo o in modo intermittente, dando al veterinario il tempo di lavorare per migliorare la risposta immunitaria iperattiva dell'animale. Alcuni trattamenti completamente naturali, possono ridurre significativamente la frequenza con cui il cane presenta un riacutizzarsi di AD. Poiché la condizione è caratterizzata da una sovrabbondanza di alcuni tipi di batteri, è possibile anche optare per una terapia topica al posto degli antibiotici orali per questa condizione. Fare il bagno ai cani con shampoo antibatterici (6) naturali (e risciacquare con acqua gassata), trattamenti con ozono per la pelle e quindi applicare risciacqui, spray o polveri per riequilibrare il microbioma, possono offrire gli stessi benefici degli antibiotici orali (uccidere la crescita eccessiva batterica) senza eventuali effetti collaterali negativi. La ricerca mostra che il microbioma del follicolo pilifero svolge un ruolo nella salute della pelle (7), quindi trovare un modo per ripristinare l'equilibrio microbico senza antibiotici orali per tutta la vita, è un must per questi pazienti. I Bagni disinfettanti e riparatori del microbioma sono una delle terapie più sottoutilizzate in dermatologia veterinaria (probabilmente perché sono molto economici). Il veterinario sarà in grado di personalizzare un protocollo specifico per il tuo animale domestico.

Problemi con pele nel caneSuggerimenti per Calmare un Cane Stressato

  1. Assicurati che il tuo cane faccia molta attività fisica, tempo di gioco, stimolazione mentale, attenzione e affetto. L'esercizio quotidiano rigoroso è uno dei trattamenti più trascurati, ma al tempo stesso gratuito ed efficace per ridurre lo stress. Maggiore è il livello di stress e ansia, maggiore è l'esercizio di cui ha bisogno il cane
  2. Quando il tuo cane sarà a casa da solo, apri tutte le tende e le persiane e lascialo con una coperta con sopra il tuo profumo e un giocattolo per rilasciare i bocconcini. Metti piccole prelibatezze salutari e i suoi giocattoli preferiti in giro per casa. Considera di chiamare un dog sitter se starai via per più di 8 ore.
  3. Ascolta anche musica rilassante prima che si verifichi un possibile fattore di stress. Questo può rilassare il tuo cane, con il vantaggio di soffocare i rumori angoscianti.
  4. Metti da parte del tempo per giocare con i giocattoli interattivi o fai un massaggio al cagnolino ogni giorno.
  5. Se il tuo cane risponde bene alla pressione applicata sul corpo, scegli una tecnica di massaggio specifica che può aiutare gli animali ansiosi.
  6. Prendi in considerazione l'aggiunta di un integratore probiotico o di verdure fermentate alla dieta alimentare fresca. I probiotici riducono i disturbi gastrointestinali legati allo stress nei cani.
  7. Consultare un veterinario sui rimedi nutraceutici, omeopatici e MTC (medicina tradizionale cinese).
  8. È stato dimostrato che l'olio essenziale di lavanda, riduce la risposta allo stress nei cani. Metti alcune gocce su un panno o un batuffolo di cotone e posizionalo nella cuccia del tuo animale domestico prima che si verifichi un fattore di stress o diffondi l'aroma di questo olio in casa. Ci sono anche ottime miscele di oli specifiche per calmare gli animali.
  9. Se l'ansia del tuo cane sembra peggiorare nonostante gli migliori sforzi fatti, prendi in considerazione un approccio individualizzato per gestire il suo stress.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Riferimenti:

1 - https://www.nottingham.ac.uk/research/groups/itchy-dog/about-the-project/about-the-project.aspx

2 - https://www.mdpi.com/2076-2615/9/10/813/htm#B10-animals-09-00813

3 - https://researchportal.helsinki.fi/en/publications/targeted-metabolomics-with-ultraperformance-liquid-chromatography-2

4 - https://www.mdpi.com/2072-6643/9/8/835

5 - https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1365-3164.2007.00617.x

6 - https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/vde.13031

7 - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30974503/

Matea Skubic
Sull'autore Matea Skubic

Sono una grande amante di tutti gli animali, e ho due cani vivaci e una gatta capricciosa. Da sempre ero interessata nel vivere una vita sana. Avendo letto diversi libri sull'alimentazione salutare e adeguata per gli animali domestici, ho realizzato che sul mercato esisteva una scarsa disponibilità di integratori naturali per animali di qualità elevata. Per questo motivo offriamo nel nostro negozio Fitopets solo prodotti di qualità, che hanno dimostrato essere efficaci con gli animali domestici. Mi tengo aggiornata e partecipo a vari seminari sul tema della salute e della cura dei cani e dei gatti.

La più grande soddisfazione che posso realizzare è un proprietario contento e un pelosetto felice e in salute.

Lascia un Commento