Change your language here!

Servizio gratuito numero


Come Contrastare la Sindrome di Cushing negli Animali Naturalmente

La sindrome di Cushing, detta anche iperadrenocorticismo, si manifesta in presenza di una prolungata esposizione ad elevati livelli di cortisonici nel sangue e interessa l’ipofisi e le due ghiandole surrenali.

La malattia è piuttosto frequente nel cane anziano e rara nel gatto. Le razze particolarmente predisposte sono soprattutto terrier, barboncini, bassotti ed eschimesi americani.

Il cortisolo circolante in eccesso può essere prodotto nell’organismo dalle ghiandole surrenali, dovuto ad una disfunzione endocrina, oppure può essere assunto dall’esterno, attraverso l’eccessivo e prolungato utilizzo dei farmaci steroidei.

Le cause per cui le ghiandole surrenali cominciano a produrre elevati quantitativi di cortisolo sono

  1. ipofisaria: è la forma più comune. In pratica nell’85% dei casi nell’ipofisi si forma una neoplasia che produce l’ormone adrenocorticotropo (ACTH), quello che va a stimolare la surrenale a produrre più cortisolo. Il restante 15% ha un’eziologia sconosciuta, cioè non si sa perché l’ipofisi di punto in bianco cominci a produrre più ACTH del dovuto. L’eccessiva secrezione di ACTH provoca un aumento bilaterale delle dimensioni della surrenale;
  2. surrenale: le neoplasie delle surrenali sono la seconda causa più frequente di iperadrenocorticismo nel cane. Di solito è monolaterale e la secrezione di ACTH è inibita;
  3. iatrogena: questo è provocato da una somministrazione eccessivamente alta di cortisonici o da una loro sospensione non adeguatamente graduata nel corso del tempo.

In un cane sano, il cortisolo viene rilasciato dalle ghiandole surrenali in modo intermittente, in piccole quantità. Questo ormone viene rilasciato in risposta ad uno stimolo, agisce favorendo la risposta dell'organismo alle situazioni di stress.

Quando il cortisolo viene rilasciato dalle ghiandole surrenali, innesca un rilascio di glucosio da parte del fegato. Il glucosio fornisce energia alle cellule dei muscoli usati per combattere lo stress. Un rilascio di cortisolo innesca un rilascio di glucosio e energia ai muscoli.

Questo potente ormone influenza una serie di altre importanti funzioni nel corpo dell'animale, tra cui la pressione sanguigna, l'equilibrio dell'elettrolito, il metabolismo e la funzione immunitaria.

Tuttavia se c’è una sovrapproduzione del cortisolo, si può arrivare ad uno stato di tossicità, per cui gli animali affetti da iperadrenocorticismo sono predisposti allo sviluppo di altre malattie tra cui ipertensione e insufficienza cardiaca, disturbi epatici, pancreatite, problemi ai polmoni, diabete, diminuzione della massa muscolare e ossea e maggiore rischio di infezione. Se l’animale ha infezioni ricorrenti o un'infezione che non riesce a rimarginarsi, è possibile che sia colpa di un eccesso di cortisolo nell’organismo.

 

Quando si Sospetta la Sindrome di Cushing ? 
Nel cane con sindrome di Cushing i sintomi tipici sono aumento dell'appetito, della sete, della produzione di urine, la perdita del pelo con cute più scura, l'aumento delle dimensioni dell'addome e la diminuzione delle masse muscolari, irritabilità.

 

I Fattori di Rischio

Precoce castrazione: quando organi critici come le ovaie e i testicoli vengono rimossi chirurgicamente, ci saranno conseguenze sull’organismo. La rimozione delle ovaie o dei testicoli, e quindi tutti gli ormoni sessuali, può diventare un problema significativo più tardi nella vita, perché il corpo di un cane richiede un certo livello di ormoni sessuali circolanti per il normale funzionamento biologico. Quando le gonadi  vengono rimosse, le ghiandole surrenali diventano l'unica fonte per loro nel corpo. Con il tempo, le ghiandole surrenali faranno fatica a soddisfare tutte le richieste del corpo.

Ambiente: il secondo fattore che può sconvolgere la regolazione ormonale nel corpo è una sostanza chiamata xenoestrogeno. Xenoestrogeni sono sostanze chimiche che imitano gli effetti degli estrogeni nel corpo. Questi vengono anche chiamati estrogeni mimici perché assomigliano chimicamente al naturale estrogeno e si attaccano a ricettori estrogeni negli umani e negli animali. Di conseguenza queste sostanze tossiche interferiscono nella segnalazione ormonale, creando nel tempo forti scompensi ormonali, favorendo un rischio elevato di malattie di ogni tipo. 

Poiché lo squilibrio ormonale è una caratteristica centrale della malattia di Cushing, ogni sostanza che interessa l'equilibrio ormonale del corpo deve essere valutata. I xenoestrogeni sono presenti in fertilizzanti, pesticidi, prodotti  chimici per la pulizia, inquinanti del suolo e materie plastiche - inclusa la ciotola d'acqua del vostro animale domestico.

L’animale, come te, viene esposto a tante fonti esterne di estrogeni. Quest’esposizione può influenzare negativamente la produzione di estrogeni delle ghiandole surrenali, nonché l'equilibrio endocrino dell'animale. Se al vostro animale domestico è stata diagnosticata la sindrome di Cushing, bisognerà fare attenzione alle potenziali esposizioni a composti esterni simili all'estrogeno.

Farmaci: come già accennato, l’eccessivo e prolungato utilizzo di farmaci steroidei può essere uno dei fattori scatenanti della malattia.

 

I Rimedi Naturali per la Sindrome di Cushing

La radice di Rhodiola fa parte di un gruppo elitario di erbe chiamato adattogene. Queste erbe realizzano il progetto finale di ripristino: trovano i sistemi fisiologici in condizioni di stress e di disequilibrio e li portano verso l'armonia e la buona salute. Le adattogene proteggono dallo stress e al contempo rafforzano il sistema immunitario.

L'azione specifica dell’erba sulla sindrome di Cushing consiste in una normalizzazione della risposta allo stress unita a una mediazione di livelli di secrezione di cortisolo.

La radice di tarassaco viene utilizzata per pulire fegato, reni e colon. Decongestiona la colecisti, aumentando la produzione e il flusso della bile. Stimola anche il metabolismo cellulare aiutando il corpo a eliminare i rifiuti metabolici nel sangue perché vengano purificati dal fegato. In caso di Cushing, la radice di tarassaco prepara un ambiente sano.

La radice di Rehmannia fornisce fitonutrienti curativi per le ghiandole surrenali. Agendo direttamente sulle ghiandole surrenali, per migliaia di anni è stata venerata come una delle più importanti erbe della Medicina Tradizionale Cinese (MTC). Tra i componenti attivi più numerosi della Rehmannia ci sono i glicosidi iridoidi, la cui principale funzione è quella di stimolare la produzione di ormoni cortico-surrenali (1). L'azione mira all’equilibrio.

L’Alfalfa viene utilizzata per la sua nota capacità di promuovere la funzione dell’ipofisi. È stata utilizzata dai cinesi per migliaia di anni per alleviare la ritenzione idrica e il gonfiore. Ci sono circa 300 sostanze nutrienti, oltre ai fitonutrienti contenuti nell’Alfalfa. Questi includono proteine, betacarotene, A, B1, B2, B5, B6, C, E, K, calcio, potassio, ferro e zinco, che sono tutti essenziali per un’alimentazione equilibrata. L’Alfalfa abbassa anche il colesterolo e i livelli di zucchero nel sangue, rafforza le ossa, alcalinizza l'organismo, riduce il dolore articolare e muscolare, riduce la stanchezza fornendo più energia all'organismo e tratta in modo efficace i calcoli renali e i disturbi del tratto urinario.

Il fungo Shiitake viene utilizzato come agente anti-tumorale. Negli ultimi anni sono state attribuite diverse proprietà curative allo Shiitake. Queste proprietà includono l'attività antitumorale (2) dei polisaccaridi e le glicoproteine, gli antivirali acidi nucleici, le sostanze inibitorie dell’agglutinazione piastrinica e i principi attivi anti-colesterolo. Mentre il meccanismo di azione antitumorale dello Shiitake non è stato completamente chiarito, questi polisaccaridi e i complessi polisaccaride-proteina sono ritenuti in grado di migliorare le risposte immunitarie mediate dalle cellule in vivo e in vitro e agiscono come modificatori della risposta biologica.

Riequilibrando l'ambiente ormonale dell’animale non solo migliora il suo stato fisiologico, ma migliora anche lo stato mentale ed emotivo.

Queste erbe, in sinergia tra di loro, costituiscono un eccellente formulazione per la Sindrome di Cushing. Meglio se costituita da una miscela di glicerina vegetale biologica, con aceto di mele e non estratte con l’alcol, che è nocivo per cani e gatti.

 

 

Riferimenti:

  • (1) Libro Farmacognosia: Botanica, chimica e farmacologia delle piante medicinali.  Francesco Capasso, R. de Pasquale, G. Grandolini 
  • (2) http://cancerres.aacrjournals.org/content/30/11/2776
Lascia un Commento