Change your language here!

Servizio gratuito numero


I Rimedi per la Coprofagia Canina (Animale che Mangia le Feci)

La Coprofagia canina è un evento che sembra non capitare troppo raramente ai nostri amici a quattro zampe. Per chi non conoscesse il termine coprofagia, significa che l'animale si ciba dei i propri escrementi. Sicuramente l'argomento non è piacevole da trattare, ma possiamo assicurarvi che è un qualcosa di molto frequente per tantissimi animali. L'unica eccezione è rappresentata dai cani e gatti di sesso femminile, che hanno avuto i loro cuccioli, e che ingeriscono deliberatamente le loro feci.

La coprofagia è comune anche in altri animali come nei conigli, roditori, maiali, cavalli e addirittura nei primati. Questo problema viene considerato soprattutto nei cani, visto che ci leccano (baciano) la faccia! I cuccioli mangiano regolarmente la cacca poiché a loro piace masticare e mangiare qualsiasi cosa. Il problema si presenta con lo svilupparsi di un abitudine. In alcuni cani è un segno di una carenza nutrizionale.

 I Motivi

I motivi per i quali i cani si cibano dei propri escrementi sono veramente molteplici. A volte  vi è alla base un problema medico, come per esempio un deficit enzimatico, oppure un'insufficienza pancreatica che può essere di natura genetica.

Nella stramaggioranza dei casi è dovuto ad una cattiva alimentazione (ne parleremo in seguito).

Anche un cattivo assorbimento intestinale, oppure la comparsa di parassiti all'interno dell'intestino sono tra le ragioni mediche più comuni che determinano la coprofagia. Il consiglio, in questi casi, è di controllare il proprio amico a quattro zampe ogni sei mesi, soprattutto per capire se vi sono all'interno dell'intestino questi parassiti. L'analisi delle feci due volte all'anno può stabilire se vi sono parassiti nel corpo del vostro cane e quindi diventare uno strumento molto utile per debellare questo problema. 

 

Il pancreas e il suo funzionamento

Il pancreas dei cani secerne degli enzimi che servono per la digestione aiutando il cane a digerire gli alimenti che introduce nel proprio corpo.

Se il pancreas non funziona perfettamente e quindi gli enzimi vengono prodotti in quantità inferiore,  l'animale automaticamente va a mangiare le feci di altri animali. Questo perchè gli escrementi degli altri animali sono una buona fonte di enzimi digestivi; questo spiega il perchè si verifica la coprofagia. Per esempio,  gli escrementi di coniglio sono una fonte ricchissima non solo di enzimi ma anche di vitamine del gruppo B. I cani che seguono una dieta secca spesso cercano altre fonti di enzimi digestivi che possano compensare il deficit enzimatico cronico causato proprio da questa dieta biologicamente inadeguata.

Lo stesso dicasi per alcuni alimenti dei gatti che essendo di scarsa qualità portano deficit enzimatici e problemi di malassorbimento. Il poter benficiare degli escrementi dei gatti diventa una tentazione unica per i cani. I cibi economici secchi, contengono spesso ingredienti che sono impossibili da digerire e quindi passano attraverso il tratto gastrointestinale del gatto e vengono espulsi con gli escrementi. Una volta fuori diventano una vera e propria tentazione per i cani che vanno a mangiarli direttamente dalla lettiera.

La soluzione più comune per alcuni animali sarà una modifica/un miglioramento della dieta. In primis suggerisco di passare ad un cibo umido premium ed a delle crocchette senza glutine (grain free). Se invece il vostro pet sta già mangiando scatolette o crocchette di qualità potete passare al cibo crudo (la dieta BARF) oppure aggiungere probiotici, enzimi ed un multi integratore disintossicante.  Dagli studi si rileva che gli alimenti ricchi di grassi, proteine e di fibra e bassi di carboidrati riducono la tendenza della coprofagia.

L'aggiunta di probiotici ed enzimi porta poi l'animale a non dover piu' cercare sostanze carenti nel suo corpo.

 

Cause comportamentali

Oltre alle cause già citate, ci sono quelle puramente comportamentali come ad esempio quelle che si riscontrano quando un animale è chiuso in un canile. Questi cani pesso si sentono ansiosi o stressati per la situazione in cui vivono e quindi sono spinti a mangiare gli escrementi. Anche i cuccioli, che spesso soffrono la fame e devono lottare per poter avere un pò di cibo diventano soggetti a rischio e possono quindi soffrire di coprofagia canina.

Spesso, mangiare gli escrementi, può essere anche un comportamento appreso dai cani più anziani. Questi ultimi potrebbero dare un esempio errato incoraggiando i cani più giovani della casa ad ereditare questa bruttissima abitudine. Ci sono poi degli esempi che vedono protagonisti cani molto selettivi che mangiano solo determinati tipi di escrementi con caratteristiche particolari come per esempio feci congelate oppure di una determinata razza; o ancora solo in un determinato periodo dell'anno.

 

Uno studio su questo comportamento alimentare

I ricercatori della University of California, hanno fatto un indagine raccogliendo le testimonianze di 1500 proprietari di animali domestici così da poter approfondire le conoscenze sul problema coprofagia. Lo studio ha portato all'attenzione i seguenti dati:

  • Il 16% dei cani mangia le feci con frequenza, e l'85% mangia escrementi di altri cani. I cani che mangiano gli escrementi sono quelli più propensi a convivere con gli altri animali e presentano anche una certa voracità e avidità nel consumare questo prodotto. Tra le varie razze presenti al mondo, il 40% dei Border Collie e degli Shelties si dimostrano mangiatori di feci. Si è notato anche che il 90% dei cani mangia le feci entro due giorni dall'espulsione dal corpo. Sulle base dei dati emersi da questa indagine i ricercatori della University of California hanno decretato che i cani che mangiano le feci preferiscono sicuramente un prodotto fresco. E' emerso, poi, che gli additivi alimentari sono efficaci solo come deterrente nel 2% dei casi. Oltre a questo sono sicuramente poco efficaci i collari elettronici e il clicker training. La soluzione migliore, secondo gli esperti, è quella di tenere sotto controllo il vostro cane e di ripulire subito i posti dove vive da tutti gli escrementi.

 

Alcuni consigli e rimedi utili per i proprietari che hanno un animale che soffre di coprofagia

Per i proprietari che hanno un animale che soffre di coprofagia è importante che questo sia alimentato con una dieta che contenga proteine, preferibilmente non trasformate (cotte) e integratori con probiotici, oltre ad enzimi digestivi che possano contribuire a contenere il bisogno che il vostro cane può avere di cercare fonti esterne di questi enzimi che ritrova negli escrementi. In parole povere, il pancreas del vostro animale non ce la fa più a digerire tutto il cibo cotto che ingerisce (carne cotta e crocchette) e il pancreas tende a  gonfiarsi creando altri problemi come il diabete; nel colon e in tutto il corpo rimangono cibi non digeriti che sono luoghi di festa per parassiti, vermi, batteri e company (stessa cosa vale per noi uomini!) Dando da mangiare carne cruda di origine controllata o biologica, oppure ALMENO offrire prodotti premium senza glutine aggiungendo OGNI giorno probiotici, enzimi digestivi e sistemici ed un multi integratore con erbe disintossicanti, avrete una buona chance per eliminare l'abitudine. 

Ecco i suggerimenti/rimedi che consiglio in questo caso:

1) alimentazione BARF (informarsi molto bene prima di iniziarli e consultarsi con un veterinario olistico o cmq di larghe vedute). Inizialmente aggiungere lo stesso probiotici ed enzimi. Lo svantaggio della Barf è che le confezioni sono min da 500 gr ed arrivano congelati quindi risulta difficile creare porzioni più piccole e possono fare un po' d'impressione ai deboli di stomaco. Il vantaggio: costa meno dei migliori prodotti premium e dopo un periodo di adattamento (caricatevi di molta pazienza), il vostro pet si sentirà in grande forma e vi ringrazierà a vita!***

 ***la Fitoplus sta lavorando intensamente per importare prodotti crudi liofilizzati di origine controllata, quindi della stessa qualità come la BARF, ma che possono essere tenuti in un armadio qualsiasi  e dosati a piacimento. Niente odori, niente sangue, e soprattutto gatti e cani che li divorano al primo incontro (zero periodi di adattamento)! Speriamo che entro la fine del 2014 possiamo importare qualche marchio del genere - l'unico svantaggio: costeranno parecchio....

 2) aggiungere dei probiotici, possibilmente i probiotici a base di terreno SBO (soil based organisms) che sono un'altra tipologia di probiotici rispetto a quelli basati sull'acido lattico (Lactobacillus e Bifidus). La peculiarità di questo tipo di probiotici sta nel fatto che sono combinati con acidi fulvici che ne aumentano proliferazione nel colon. Questa tipologia di probiotici permette di rafforzare il sistema immunitario, aiutare a eliminare le tossine e migliorare la capacità di assorbimento di altre sostanze nutrienti di circa un 40-50%.

3) aggiungere enzimi digestivi in modo da sostenere il pancreas ed evitare che il nostro amico a quattro zampe vada a ricercarli negli escrementi come abbiamo visto precedentemente.

L'ideale è un prodotto con una miscela di enzimi digestivi come amilasi, proteasi, lipasi insieme a bromelina e beta-glucanasi che sono entrambi enzimi sia digestivi che sistemici; questi ultimi si rivelano estremamente utili in caso di candida (beta-glucanasi) ed in caso di condizioni infiammatorie come l'artrosi (bromelina).

4) aggiungere un multi integratore con proprietà disintossicanti.

La radice di curcuma (Curcuma Longa) è un'erba eccellente sotto numerosissimi aspetti tra cui annoveriamo le sue proprietà antinfiammatorie, antiossidanti ed epatoprotettrici.

E' proprio sul fegato che la curcuma esercita una forte azione disintossicante depurandolo da eccessi di scorie accumulate nel tempo.

IL tarassaco (Taraxacum Officinalis) lavora anch'esso sulla disintossicazione epatica ma possiede anche un'azione prebiotica migliorando cosi' sia le funzioni intestinali che di tutto il tratto digerente.

epatica ed il suo contenuto di inulina le conferisce un’azione drenante e purificante del sangue che favorisce l’eli

lare la funzionalitè biliare ed minazione delle tossine cioè i “rifiuti” delle diverse reazion

 va a stimoi metaboliche dell’organismo. Infine, il Il cardo mariano è una pianta eccellente per disintossicare l'

La radice di bardana (Articum lappa) possiede anch'essa un'azione depurativa in

Fresh green burdock leaf texture

quanto sostenendo la funzionalità del fegato e aiutandolo a rigenerarsi qualora avesse subito danni (infezioni, alimenti contaminati ecc).

Esistono in commercio degli integratori multi-erbe formulati in gocce sotto forma di macerati glicerinati privi di alcol specifici per cani e gatti. Personalmente consiglio di sceglierne uno koshe, no OGM e possibilmente certificato USP (Farmacopea Americana).

Come già detto è essenziale raccogliere sempre le feci, e quindi tenere pulito tutto. Nel caso ci sia anche un gatto in casa è necessario lasciare sempre la lettiera pulita e metterla in un luogo della casa che non sia agevole da raggiungere per il vostro cane. E' buona norma inserire nell'alimentazione del vostro gatto enzimi digestivi e probiotici così che le sue feci diventino meno attraenti per il vostro cane.

Lasciare sempre qualche gioco al vostro cane così che possa stimolare la sua mente ed evitare la noia. Portarlo a correre, a camminare, farlo giocare, sono fasi essenziali per evitare che il cane diventi sedentario e annoiato e quindi che sviluppi comportamenti particolari come quelli elencati in precedenza.

Nel caso in cui dopo aver seguito tutti questi consigli non si presentino miglioramenti, è il caso di prendere un appuntamento con il vostro veterinario di fiducia, per far visitare il cane e scongiurare così qualsiasi ipotetico motivo medico che possa essere la causa alla base di questo comportamento.

2 pensieri su “I Rimedi per la Coprofagia Canina (Animale che Mangia le Feci)”

  • Christina Goldberg
    Christina Goldberg aprile 6, 2017 alle 12:34 am

    Molto chiaro ed esauriente. Ma in che forma posso proporre la radice di curcuma o il tarassaco alla mia boxer ? Grazie per la gradita risposta....Christ

    Replica
    • Patricia De Souza
      Patricia De Souza aprile 7, 2017 alle 2:11 pm

      Un multi-integratore con proprietà disintossicante, che contiene radice di curcuma, radice di tarassaco, bardana e semi di fieno greco è DailySure, lo trova nel nostro negozio online.

      Replica
Lascia un Commento