it en
Change your language here!
819048 714 381
71427321893

Cosa c'è Dietro la Paura e l'Ansia dei Cani?

Se ci accorgiamo che il nostro cane, oppure quello di un amico è più nervoso del solito, potrebbe non essere solo una nostra impressione. La paura e l'ansia nei cani è un problema serio che ai giorni nostri è preso in grande considerazione da coloro che studiano questi animali. La scienza, infatti, suggerisce a tutti gli allevatori, di prestare la massima attenzione a selezionare le razze di cani meno paurosi per scopi di accoppiamento (1).

 

 

La Sensibilità al Rumore è in Cima alla Lista dei Problemi di Comportamento dei Cani

Uno studio del 2020 dell'Università di Helsinki in Finlandia, ha concluso che le ansie e i problemi comportamentali nei cani, sono all'ordine del giorno, con la sensibilità al rumore in cima alla lista (2). I ricercatori hanno esaminato i dati raccolti su 13.700 cani presenti in famiglia in Finlandia. Le razze prese in considerazione sono state 264, il che lo rende uno dei più grandi progetti del suo genere al mondo. Poco meno del 52% dei cani erano femmine e l'età variava da 10 settimane a quasi 18 anni. Le razze miste e le seguenti 10 razze rappresentavano il 35% di tutti i cani per i quali sono stati raccolti i dati:

Bovaro bernese

♥ Border Collie

♥ Cane pallone finlandese

♥ Pastore tedesco

♥ Labrador Retriver

♥ Schnauzer nani

♥ Bull Terrier

♥ Lagotto Romagnolo

♥ Soft-Coated Wheaten Terrier

♥ I cani pastore delle Shetland

Un cane sotto un asciugamanoI team di ricerca ha esaminato la prevalenza di sette comportamenti canini indesiderabili:

  1. Sensibilità al rumore (inclusi tuoni, fuochi d'artificio e colpi)
  2. Paura degli esseri umani, di altri cani e di luoghi sconosciuti
  3. Paura delle superfici e delle altezze
  4. Disattenzione e impulsività
  5. Comportamento compulsivo
  6. Aggressività
  7. Ansia da separazione

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Il 73% dei Cani Mostra Sensibilità al Rumore e / o Paura

I risultati dello studio hanno mostrato che un comportamento indesiderato si è verificato in un sorprendente 73% dei cani.

  • La sensibilità al rumore si è dimostrata l'ansia più comune, con il 32% dei cani che ha paura di almeno un rumore e il 26% in particolare dei fuochi d'artificio.
  • La paura si è piazzata al secondo posto, trovata nel 29% dei cani e includeva la paura di altri cani (17%), la paura degli estranei (15%) e la paura di nuove situazioni (11%).
  • La sensibilità al rumore, in particolare la paura dei tuoni, aumenta con l'età, così come la paura delle altezze e delle superfici, come camminare su griglie metalliche o pavimenti lucidi.
  • I cani più giovani avevano maggiori probabilità di danneggiare o urinare su degli oggetti quando lasciati soli, erano anche più spesso disattenti, iperattivi o impulsivi e scodinzolavano di più dei cani anziani.
  • I cani maschi erano più spesso aggressivi e iperattivi / impulsivi, mentre i cani femmina erano più spesso timorosi.

Leggi anche: Come Aiutare i Cani Che Soffrono di PTSD

Un cane pronto ad attaccareI ricercatori hanno anche trovato differenze tra le razze. Ad esempio, il Lagotto Romagnolo, il Soft-Coated Wheaten Terrier e le razze miste, erano le più sensibili al rumore. I cani pastore delle Shetland e le razze miste erano i più paurosi. Poco meno dell'11% degli Schnauzer nani era aggressivo nei confronti degli estranei, rispetto allo 0,4% dei Labrador Retriever. I ricercatori hanno anche esaminato i collegamenti tra i comportamenti individuali.

 

Come negli studi precedenti, hanno scoperto che anche i cani paurosi sono spesso aggressivi, tuttavia, sono state scoperte anche alcune nuove reazioni inaspettate:

“E' stata evidenziata un'interessante connessione tra impulsività, comportamento compulsivo e ansia da separazione – ha detto il coautore dello studio il dottor Milla Salonen”. "Negli esseri umani, il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) si verifica spesso insieme a deficit di attenzione e disturbo da iperattività (ADHD) , ma questa è la prima volta che la stessa cosa è stata visto nei cani(3).

I cani sono simili a noi uomini, sia dal punto di vista fisiologico che comportamentale, e condividiamo lo stesso ambiente sociale complesso. Uno degli obiettivi del gruppo di ricerca è saperne di più sui problemi di salute mentale umana.

"Con l'aiuto di questo progetto e dei dati emersi, continueremo a studiare quanto sia buona una specie di cane nella ricerca incentrata sui problemi di salute mentale umana. La nostra precedente ricerca genetica, ha indicato le stesse aree genomiche nella paura e nella sensibilità al rumore – ha dichiarato il ricercatore capo, il professor Hannes Lohi” (4)

Un cane che ululaIl Ruolo della Genetica nel Comportamento Indesiderato dei Cani

Il team di ricerca ha confrontato la frequenza dei tratti comportamentali tra le 10 razze e razze miste e ha scoperto differenze significative tra di loro. I Border Collie, ad esempio, erano impegnati in fissazioni più compulsive e inseguimenti di luci / ombre, comportamenti che si verificavano molto meno spesso in tutte le altre razze.

Una delle maggiori differenze tra le razze è stata identificata nella paura rispetto alle persone sconosciute, in cui c'era una differenza di 18 volte tra la razza più timida e la razza più coraggiosa. I ricercatori sottolineano che molti comportamenti indesiderati, come paura e sensibilità al rumore, possono causare uno stress così intenso nei cani, che i proprietari potrebbero pensare di privarsene.

“I nostri risultati - ha dichiarato Lohi – indicano che il comportamento indesiderato sembra essere ereditato, il che significa che, attraverso un allevamento attento che si basa su indicatori di comportamento adeguati, la prevalenza di tali tratti comportamentali potrebbe essere ridotta. Ciò migliorerebbe la qualità della vita non solo dei cani, ma anche i loro proprietari. Nella mia esperienza, mentre la genetica gioca un ruolo ancora indeterminato nello sviluppo di comportamenti indesiderati nei cani, ci sono molti altri fattori coinvolti, che hanno molto più a che fare con il "nutrimento" che con la natura.

Leggi anche: Come Abbassare Cortisolo e Ridurre lo Stress nel Cane

Le predisposizioni genetiche per determinati comportamenti possono essere modellate dalle reazioni umane a comportamenti espressi, quindi le esperienze che un animale ha (e il modo in cui rispondiamo ad esse) influenzano se il comportamento migliora o peggiora. E sebbene io sia un grande sostenitore dei programmi di allevamento responsabile dei cani, non vedo un allevamento accurato basato su indicatori di comportamento adeguati, come un approccio realistico per mitigare il problema attuale, dato il fiorente mercato dei cuccioli”.

Il numero di cuccioli mal allevati che vengono fatti nascere per soddisfare il mercato, supera di gran lunga il numero di piccoli allevatori etici, che selezionano responsabilmente i difetti genetici e di temperamento. Fino a quando non saremo in grado di istruire gli acquirenti di cuccioli su come selezionare un allevatore rispettabile, i difetti ereditari della razza, inclusi possibili problemi di temperamento, persisteranno sempre. Uno dei fattori determinanti più impattanti della capacità complessiva di un cane di far fronte allo stress per tutta la vita, è la quantità di socializzazione precoce che il cucciolo che ha ricevuto dal giorno 1 a 64, prima che il proprietario lo acquistasse per portarlo a casa.

I cuccioli non forniscono le esperienze sensoriali e di manipolazione neonatali, critiche necessarie per uno sviluppo esperienziale sano, il che contribuisce in molti cani ad avere paura e ansia per tutta la vita. Per quelli i proprietari di cani, il cui comportamento necessita di un miglioramento significativo, consiglio come primo passo un controllo veterinario per assicurarsi che non vi sia un problema di salute sottostante, che causa o contribuisce al problema. Una volta superato questo ostacolo, ti consiglio di assumere un addestratore di cani professionista.

Leggi anche: Most pet dogs are fearful or anxious, study shows

Scegliere un Addestratore di Cani

Inutile dire che per aiutare il tuo cane a modellare (o rimodellare) il suo comportamento, bisogna rivolgersi ad un addestratore professionista. Ecco perché è importante sapere quali domande porre e quali criteri di ricerca adottare, quando si valutano i potenziali formatori.

Le Cose da Considerare sono:

Aree di specializzazione - Solo perché una persona è un addestratore di cani, non significa che abbia esperienza con ogni tipo di situazione. Ad esempio, addestrare un cucciolo all'obbedienza di base, richiede abilità diverse rispetto ad aiutare un cane da salvataggio a superare una grave ansia da separazione. A seconda delle esigenze individuali del tuo cane, può essere molto utile cercare un addestratore specializzato in uno o più casi specifici.

Metodo di allenamento - Esistono diversi metodi di allenamento, alcuni dei quali sono di natura punitiva. La ricerca scientifica e la maggior parte degli esperti, concordano sul fatto che l'approccio più umano ed efficace è l'addestramento al comportamento di rinforzo positivo. È importante evitare i formatori che utilizzano tecniche punitive, basate sulla paura, poiché questo approccio non è supportato scientificamente ed è molto controverso, in termini di risultati positivi a lungo termine. Affrontare la paura e l'aggressività del tuo cane con tecniche di addestramento basate sulla paura, può essere prevedibilmente disastroso.

Istruzione - Poiché non esistono certificazioni statali o federali per addestratori di cani, è estremamente importante trovarne uno il cui background includa corsi di formazione professionale e certificazioni, e che si tenga aggiornato sugli ultimi sviluppi del settore.

Riferimenti - È anche importante chiedere referenze ai potenziali formatori, e contattare quei clienti che hanno già usufruito della loro prestazione. A loro bisognerà chiedere se ritengono che l'utilizzo dell'addestratore sia stato un buon investimento, e se sono contenti dei risultati ottenuti. Se un allenatore non può o non vuole fornire referenze, allora bisogna pensarci sopra prima di ingaggiarlo. Se lui o lei ha più di una recensione negativa e le lamentele sembrano legittime, è decisamente opportuno cambiare addestratore.

Costo – Chiedi sempre bene le tariffe applicate, così da non avere poi brutte sorprese. Per calcolare quanto spenderai in totale, ti consigliamo di sapere quante sessioni, secondo l'addestratore, dovrà fare il tuo cane. (5)

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Riferimenti:

1 - https://www.companionanimalpsychology.com/2020/03/most-pet-dogs-are-fearful-or-anxious.html

2 - https://www.nature.com/articles/s41598-020-59837-z

3-4 - https://www2.helsinki.fi/en/news/life-science-news/unwanted-behaviour-in-dogs-is-common-with-great-variance-between-breeds

5 - https://www.nytimes.com/2019/09/09/smarter-living/wirecutter/does-your-dog-need-a-trainer.html

Matea Skubic
Sull'autore Matea Skubic

Sono una grande amante di tutti gli animali, e ho due cani vivaci e una gatta capricciosa. Da sempre ero interessata nel vivere una vita sana. Avendo letto diversi libri sull'alimentazione salutare e adeguata per gli animali domestici, ho realizzato che sul mercato esisteva una scarsa disponibilità di integratori naturali per animali di qualità elevata. Per questo motivo offriamo nel nostro negozio Fitopets solo prodotti di qualità, che hanno dimostrato essere efficaci con gli animali domestici. Mi tengo aggiornata e partecipo a vari seminari sul tema della salute e della cura dei cani e dei gatti.

La più grande soddisfazione che posso realizzare è un proprietario contento e un pelosetto felice e in salute.

Lascia un Commento