Change your language here!

Servizio gratuito numero


L'Incontinenza Urinaria nei Pets e le Basi per Prevenirla

Il problema dell’incontinenza urinaria del vostro animale domestico non è sicuramente un qualcosa da trascurare. Questo fenomeno, oltre ad essere fastidioso per il vostro amico a quattro zampe, diventa necessariamente un disagio anche per chi vive in casa con quest’ultimo. Il motivo è semplice, ed è rappresentato da pozzanghere di urina in ogni luogo della casa e all’odore che queste lasciano all’interno delle mura domestiche.

Problemi di incontinenza urinaria negli animali

cane con problemi urinariPartiamo spiegando che cos'è l’incontinenza urinaria e quando si verifica. La prima cosa da sottolineare è che questo fenomeno si verifica nel momento in cui sia il cane che il gatto non riescono ad avere il controllo della propria vescica. Questa perdita di controllo può avere una duplice valenza poichè può verificarsi occasionalmente con delle piccole perdite di urina, oppure molto spesso con grandi perdite.

Le cause che provocano l’incontinenza urinaria degli animali domestici sono diverse, nello specifico possiamo elencare le seguenti:

  • Squilibrio ormonale
  • Genetica: vescica debole, disturbi anatomici, anomalie particolari
  • Lesioni del midollo spinale 
  • Disturbi della prostata 
  • Dissetarsi in continuazione. Questo segnale potrebbe rappresentare un sintomo di diabete o di una malattia renale 

Le cause elencate in precedenza possono senza dubbio creare una certa ansia nei padroni di cani e gatti che presentano sintomi di incontinenza urinaria. Spesso però la causa non è legata a queste malattie ma solo a semplici infezioni dell’apparato urinario che possono essere affrontate e curate in maniera abbastanza semplice rispetto alle patologie che abbiamo visto in precedenza.

Come è possibile riconoscere segnali di incontinenza nel vostro animale domestico

I segnali che indicano che il vostro amico a quattro zampe è affetto da incontinenza sono facili da individuare e valutare. In primis le chiazze di urina lasciate negli angoli del vostro appartamento;  questo rappresenta il primo campanello di allarme da prendere in considerazione.

E’ importante poi andare a vedere, in prossimità dell’apertura uretrale,  se ci sono arrossamenti perché anche questo è un sintomo importante da prendere in considerazione. Se il vostro cane o gatto si lecca eccessivamente la zona genitale allora anche questo potrebbe rappresentare un elemento che deve farvi drizzare le antenne e approfondire tramite indagini mediche.

Attenzione sempre alla cuccia del vostro amico a quattro zampe. Se in prossimità della stressa c’è forte odore di urina, oppure se trovate tracce di umidità, allora è possibile che abbia dei problemi di incontinenza.

Ci sono delle razze di cani che rispetto ad altre sono maggiormente inclini ad essere affette da incontinenza. Premettiamo però che l’incontinenza urinaria può affliggere i cani di qualsiasi età, razza e genere. Sotto la lente di ingrandimento ci sono i cani di mezza età, soprattutto quelli di razza femminile che hanno subito la sterilizzazione. Poi ci sono i doberman, i cani pastore, cocker spaniel e springer spaniel.

Cosa bisogna fare se il nostro cane presenta questi sintomi?

La prima cosa da fare, nel caso in cui ci accorgiamo che il nostro cane presenta uno dei sintomi elencati in precedenza è quella di consultare immediatamente un veterinario. Lo specialista visiterà il vostro amico a quattro zampe e nel caso si renda contro che ci sono tutti i presupposti per questa patologia, effettuerà un esame delle urine approfondito per confermare la prima diagnosi.

 

cane dal veterinario

Dopodichè,  si cercherà di determinarne le cause, sempre attraverso l’esame delle urine e nel caso si tratti di infezione delle vie urinarie allora si potrà intervenire prescrivendo probabilmente una cura antibiotica.

E’ importante sapere che gli antibiotici oltre a debellare le infezioni, spesso possono uccidere anche i batteri sani che sono quelli che proteggono la vescica. Si entra quindi in una sorta di circolo vizioso che spesso porta il vostro amico a quattro zampe a doversi sottoporre a diversi cicli di farmaci.

Si può pertanto utilizzare una misura preventiva rappresentata dall’utilizzo di sostanze naturali che notoriamente riescono ad intervenire sui batteri mutandone l’equilibrio positivamente.

Tra i tanti rimedi naturali in circolazione sul mercato vi sono integratori a base di piante specifiche che aiutano il vostro amico a quattro zampe a superare il problema riportando la tranquillità anche a casa.

Si tratta di un pool di erbe con tropismo sull'apparato urinario che combattono il problema andando anche a prevenire ulteriori infezioni che possono nascere con il passare del tempo, come per esempio il blocco dell'uretra che mette in pericolo la vita del vostro cane o gatto.

Tra queste erbe annoveriamo l’echinacea angustifolia, l’uva ursina, la verga d'oro, la radice di altea e l’aceto di mele.

L'echinacea è la migliore in assoluto per la cura delle infezioni in quanto possiede un'azione antibiotica, antivirale e antifungina ad ampio spettro. Prima dell’introduzione sul mercato degli antibiotici,  quest'erba rappresentava il trattamento standard per qualsiasi tipo di infezione. L’echinacea ha anche un'azione un antidolorifica e anti-infiammatoria oltre a rappresentare un valido richiamo generale del sistema immunitario per favorire la ripresa del corpo dalle infezioni.

L'uva ursina è un' arbusto sempreverde che cresce in Nord America e in Europa. Presenta delle bacche rosse che sono principalmente amate dagli orsi e da qui nasce il suo nome. L’uva ursina è stato utilizzata per molti secoli ed è stata usata dai nativi americani per trattare le infezioni del tratto urinario.

Sono le foglie la parte della pianta che presenta gli effetti curativi. Esse contengono arbutina che viene convertita in idrochinone all’interno del tratto urinario. L'idrochinone è un antisettico che scienziati e veterinari ritengono abbia la capacità di combattere le infezioni delle vie urinarie di gatti e cani. Inoltre, l’uva ursina contiene tannini astringenti che aiutano a ridurre il gonfiore delle mucose dell'uretra e quindi a ridurre l'infiammazione. Presenta anche proprietà diuretiche che si rivelano essenziali per drenanare i batteri presenti nei reni.

La verga d'oro è un’erba selvatica che cresce in Europa, Asia e Nord America, utilizzata da sempre per combattere le infiammazioni oltre ad essere un anti-microbico, analgesico e diuretico. Quest'azione multipla è estremamente efficace nel combattere le infezioni e previene anche la formazione di calcoli renali o alla vescica contribuendo ad eliminare sedimento urinario.

Presente in Asia, le foglie, il fusto e la radice di altea, sono utilizzati per scopi medicinali. La radice produce una grande quantità di mucillagine, una sostanza simile a colla che può essere utilizzata per rivestire e proteggere le mucose del corpo.

La radice di altea calma l'irritazione delle mucose del tratto urinario e riduce l'infiammazione. Inoltre, incoraggia la fagocitosi, un processo in cui alcune cellule del sistema imunitario assorbono e distruggono i microrganismi indesiderati nel sangue.

Infine, l’aceto di mele,  è anch'esso importantissimo in quanto è un agente anti-batterico, un disintossicante naturale che contiene più di 40 vitamine e minerali e preziosi enzimi digestivi.

Consiglio di scegliere un integratore a base di queste preziosissime sostanze naturali che sia biologico, in gocce,  sotto forma di macerato glicerinato e senza alcol che risulta tossico per cani e gatti.

 

Lascia un Commento