Change your language here!

Servizio gratuito numero


In Natura il Diabete negli Animali Non Esiste: Perchè?

In natura è impossibile trova animali selvaggi con il diabete! Chissà perché? 

Il diabete è una malattia che nasce dalle abitudini: cibi troppo elaborati (creano anche malassorbimento dei nutrienti), l’uso e abuso dei farmaci, vaccinazioni, antiparassitari sintetici hanno aumentato nei nostri animali domestici la possibilità di contrarre il diabete.

Una revisione pubblicata recentemente  in "Current Diabetes Review" da uno scienziato dimostra che le epidemie del diabete di tipo 1, dell'obesità, della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2 sono causate da vaccini. Il documento fornisce una revisione della prova che i vaccini stanno causando le epidemie del diabete insulino-dipendente (diabete di tipo 1), dell'obesità e del diabete non insulino-dipendente (diabete di tipo 2). (1) 

Il diabete ha avuto un incremento notevole negli ultimi anni. Nel l'ultimo report sulla salute degli animali del 2016 il Banfield Pet Hospital Report, la rete di cliniche veterinarie americane, che dal 2011 ad oggi razionalizza i dati sanitari derivanti da un indotto di pazienti pari a 2,5 milioni di cani e 500.000 gatti.
Il report 2016 riguarda in particolare l’andamento degli ultimi cinque anni delle più comuni malattie che colpiscono cani e gatti. In cinque anni – si legge nel report – la prevalenza del diabete è aumentata dell’80% !!

Che cos'è il Diabete

Il diabete è una malattia causata dalla mancanza di insulina (o da problemi nel suo funzionamento) per cui il glucosio si accumula nel sangue, ma le cellule non lo vedono e continuano a chiedere energia. Questa condizione di aumento di concentrazione di glucosio nel sangue si chiama iperglicemia.

Le cellule dell’organismo per funzionare hanno bisogno di una fonte di energia; questa fonte è il glucosio, uno zucchero. Il glucosio deriva dall’alimentazione, circola con il sangue e per entrare nelle cellule e dar loro energia ha bisogno di un’altra molecola, l’insulina. Se non c’è insulina, per quanto zucchero sia entrato nell’organismo con l’alimentazione e per quanto ce ne sia nel sangue, le cellule non possono utilizzarlo ed è proprio come se non ci fosse.

Negli animali di solito il diabete si suddivide in 2 tipi:

Diabete insulino-dipendente: l’animale ha bisogno che qualcuno gli somministri insulina dall’esterno.

Insulino-indipendente: quella per cui modificazioni della dieta e aumento dell’attività fisica possono essere sufficienti.

La cura di un animale diabetico può essere abbastanza complessa e richiede tempo. Esso prevede un monitoraggio regolare dei livelli di glucosio nel sangue, rendendo necessari adeguamenti alimentari, iniezioni di insulina o farmaci orali. Frequenti visite veterinarie sono la norma per cani e gatti diabetici, così come i costi associati ai controlli, ai test, alle procedure mediche e alla terapia con insulina. A differenza degli esseri umani con la malattia, i nostri animali non possono dirci come stanno, per aiutarci nel loro trattamento e recupero.

Le Principale Cause del Diabete

Le principali cause del diabete, come già accennato, sono provocate da tossine introdotte nell’organismo: alimentazione povera di nutrienti, ricca di grassi idrogenati, carboidrati manipolati, uso e abuso dei farmaci, vaccinazioni, antiparassitari sintetici e poco movimento.

In alcuni pochi casi, gli animali possono avere una predisposizione genetica, ma con la giusta prevenzione il diabete non si sviluppa.

I sintomi del diabete

I sintomi più tipici del diabete nel cane e nel gatto sono l'aumento della produzione di urina (perché l’organismo cerca di eliminare l’eccesso di glucosio nel sangue attraverso le urine), l'aumento della sete (perché l’organismo tende a disidratarsi) e l'appetito eccessivo.

Purtroppo molti proprietari non ritengono questi sintomi preoccupanti e portano dal veterinario il cane e il gatto solamente quando si è arrivati alla fase successiva, quella di chetoacidosi diabetica, ossia la carenza di glucosio all’interno delle cellule. L’organismo però da qualche parte deve pur prendere l’energia che gli serve e comincia l’ossidazione dei lipidi.

I Sintomi del Diabete includono anche

  • perdita di peso;
  • vomito;
  • abbattimento e debolezza;
  • infezione del tratto urinario, soprattutto nei gatti;
  • letargia.

In alcuni casi i gatti presentano un'andatura goffa causata dalla neuropatia diabetica, ed i cani manifestano difficoltà visive quale conseguenza dello sviluppo della cataratta diabetica

Il diabete è una malattia che interessa tutti gli organi. I cani diabetici, se non curati, in genere presentano fegato ingrossato, sono soggetti alle infezioni e spesso sviluppano problemi neurologici.

Prevenzione

Il ruolo dell’alimentazione è fondamentale nella prevenzione del diabete. Ogni pasto dovrebbe contenere circa lo stesso numero di calorie per aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue. Anche pochi carboidrati, che si trasformano in zucchero, sovraccaricano il pancreas, costringendolo a produrre più insulina per bilanciare l'aumento dello zucchero nel sangue. 

Idealmente, il nostro animale dovrebbe mangiare una dieta naturale e appropriata, ricca di fibre e sufficienti amidi con basso indice glicemico.

Sono da evitare cibi trasformati, con troppi additivi, da evitare anche gli snack, che di solito sono ricchi di zuccheri con pochi nutrienti.

È bene anche che il cane pratichi abitualmente dell’attività fisica.

 

I Migliori Rimedi Naturali per il Diabete

Fieno Greco (Trigonella foenum-graecum) contiene una quantità abbondante di aminoacidi isoleucina 4-idrossi. Questo aminoacido esercita un effetto protettivo sul fegato e stimola la produzione di insulina. Inoltre la frazione di fibra solubile ritarda la digestione e l’assorbimento dei carboidrati, aumentando l’azione dell’insulina.

Gymnema sylvestre aiuta a mantenere l’equilibrio dei livelli di zucchero. La parola sanscrita gymnema (gurmar) significa “distruttore di zuccheri”. La Gymnema contiene polifenoli e glicosidi triterpenici, che si legano in modo reversibile ai recettori del glucosio nel tratto intestinale, riducendo così l'assorbimento degli zuccheri introdotti con l'alimentazione.

Melone amaro (Momordica charantia) è un rimedio tradizionale delle isole dell’Oceano Indiano e del Pacifico per il diabete mellito. Secondo quanto scrive il Maestro Erborista James Duke nel suo Green Pharmacy Herbal Handbook, ci sono stati diversi studi clinici che hanno dimostrato che l'estratto di melone amaro abbassa la glicemia nei soggetti con diabete tipo 1 e tipo 2. Il melone amaro contiene gurmarin, un polipeptide simile all’insulina bovina che è stato dimostrato avere effetti positivi che regolano lo zucchero.

Curcuma (Curcuma longa) ha proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, anti-aterosclerotiche e aiuta a gestire i livelli di zucchero nel sangue e ridurre le complicanze della malattia. Svolge un ruolo importante nella lotta all’insulino-resistenza. L’endocrinologo e ricercatore Drew Tortoriello, M. D. presso il Naomi Berrie Diabetes Center al Columbia University Medical Center, e il suo team stanno studiando gli effetti della curcuma sugli animali diabetici. Hanno scoperto che i topi obesi alimentati con la curcuma hanno meno probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 e presentano un’infiammazione minore dei tessuti adiposi e del fegato rispetto al gruppo di controllo. 

Quando si combinano tutte e quattro le erbe - fieno greco, gymnema, melone amaro e curcuma - si ottiene un aiuto per ridurre la glicemia più efficace e completamente naturale per il diabete di cani e gatti.

(1)  http://www.thedogplace.org/HEALTH/Vaccines-produce-diabetes.asp

2 pensieri su “In Natura il Diabete negli Animali Non Esiste: Perchè?”

  • rita

    dato che i vaccini possono procurare diabete e altre malattie come detto in vostri diversi articoli, con cosa si possono sostituire i vaccini di base che si fanno una volta l'anno? Mi riferisco al cane. grzie

    Replica
    • Patricia De Souza
      Patricia De Souza maggio 9, 2017 alle 12:55 pm

      Esistono i nosodi omeopatici:
      http://www.assis.it/vaccini-omeopatici/
      ma non ho esperienza in merito e con animali si usa ancora pochissimo e si sa poco. Al momento meglio dare quelle obbligatorie appena il sistema immunitario è pienamente sviluppato e poi disintossicare con Relivel, che trova nel nostro negozio online.

      Replica
Lascia un Commento