it en
Change your language here!

La Carenza di Tiamina nel cane/gatto crea seri problemi di salute

crocchette gatto carenza tiamina

I nostri amici a quattro zampe, in particolare i gatti, sono molto sensibili alle carenze nutrizionali della Tiamina (vitamina B1), la sua ingestione attraverso l'alimentazione quotidiana è quindi molto importante.

La tiamina è una vitamina idrosolubile ed è essenziale nel metabolismo energetico dei carboidrati e in una serie di attività non enzimatiche, ma fondamentali per i tessuti neuronali. La forma attiva della vitamina nell'organismo è la tiamina pirofosfato (TPP). Quando cani e gatti hanno carenze fisiologiche di TPP i segni clinici sono molto più rapidi rispetto ad altre carenze e coinvolgono il sistema cardiaco e nervoso, fino a provocare danni ai tessuti cerebrali. Quindi la mancanza di tiamina nei cibi può creare seri problemi di salute negli animali domestici.

Gli organi che usano molta energia, come il cervello, possono essere gravemente compromessi da una carenza di tiamina. Una mancanza di tiamina può anche portare ad un accumulo di lattato, con conseguente acidosi.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

Le Cause di una Carenza di Tiamina negli Animali Domestici

La carenza di tiamina può svilupparsi per una serie di motivi, ma una delle principali cause è costituita da errori nell’ alimentazione.

La carenza di vitamina B1 negli animali domestici si verifica soprattutto a causa della distruzione della vitamina stessa durante i processi per la conservazione alimentare. Una certa quantità di tiamina viene persa durante la cottura degli alimenti (legumi circa 40%, carni circa 30%, uova circa 25% e cereali circa 10%) e durante i processi di raffinazione (1). Anche una dieta a base di carne conservata con anidride solforosa (2) (3) può essere carente di tiamina.

Gli animali domestici alimentati con cibi ad alto contenuto di carboidrati possono avere delle carenze di tiamina, perché il loro corpo ha una maggiore richiesta di tiamina per metabolizzare tutti quei carboidrati.

Anche cani e gatti che mangiano cibi preparati a casa hanno un rischio maggiore di tale carenza, soprattutto se queste ricette non contengono quantità adeguate di vitamina B1; inoltre un problema particolare si presenta con le diete a base di pesce crudo o crostacei a causa della presenza dell’enzima tiaminasi, che distrugge la tiamina.

Anche se i cibi secchi possono essere carenti di tiamina, tale mancanza è più comune nei cibi in scatola per una serie di motivi (4). La produzione di alimenti in scatola è un processo a più fasi che comporta la macinazione e la miscelazione del cibo, il riempimento e la sigillatura delle lattine e la sterilizzazione del cibo all'interno delle lattine. La fase di sterilizzazione è importante per distruggere i batteri patogeni comuni. Tuttavia, la tiamina è una vitamina termolabile e, quindi, facilmente va dispersa in questa fase. Inoltre, alcuni cibi in scatola includono agenti gelificanti alcalinizzanti che possono alterare il pH e quindi la disponibilità di tiamina.

Leggi anche “I 5 pericoli nel cibo” e “ squilibrio del pH per la salute di cane/gatto”.

Altre possibili cause possono essere:

  • ♦ malattie dell’intestino che causano malassorbimento delle sostanze nutritive;
  • ♦ inappetenza prolungata;
  • ♦ eccessiva minzione (diuresi);
  • ♦ somministrazione di alcuni farmaci (ad es. diuretici);
  • ♦ nutrire l’animale con una dieta esclusivamente a base di carne;
  • ♦ nutrire l’animale con cibo privo di quantità adeguate di tiamina.

I gatti sono più suscettibili alla carenza di tiamina rispetto ai cani perché i gatti ne hanno un fabbisogno maggiore rispetto ai cani (5).

 

I Sintomi di una Carenza di Tiamina

cane letargiaPurtroppo i sintomi della carenza di tiamina sono alquanto vaghi e poco specifici, possono essere facilmente confusi con alcune patologie e possono rendere difficile la diagnosi. I sintomi progressivi di una carenza di tiamina possono richiedere settimane per svilupparsi.

In generale, i segni di carenza di tiamina sia nei cani sia nei gatti sono suddivisi in tre stadi progressivi: uno stadio di induzione, uno stadio critico e uno stadio terminale

Il primo stadio, l'induzione, si verifica entro una o due settimane di carenza ed è caratterizzato da una combinazione di vomito, letargia e inappetenza (6), sebbene il comportamento dell'animale possa rimanere altrimenti invariato. Pochi altri segni si verificano in questa fase. Tuttavia, si può notare una perdita di peso dovuta ad una cronica assunzione di cibo povero (7) (8).

Questi segni si verificano solitamente entro una o due settimane dopo che l’animale inizia a mangiare una dieta gravemente carente di tiamina.

Se la mancanza non viene invertita durante la fase di induzione, l'animale entrerà nella fase critica e compariranno i segni di danni al sistema nervoso. Nei cani e nei gatti, questi possono includere atassia, paraparesi, nistagmo, ritardo della risposta pupillare alla luce e cecità, decubito, perdita di coordinamento e propriocezione sempre più scarsa, così come convulsioni (9) (10) (11).

I gatti possono anche presentare ventroflessione cervicale (12) e dispnea (13). I segni cardiovascolari durante la deficienza cronica possono includere aritmie e bradicardia (14).

In genere, un animale deve essere carente di tiamina per più di un mese prima che venga raggiunto lo stadio terminale. Tuttavia, una volta che la fase terminale è iniziata, l’animale può morire entro pochi giorni, se la carenza non viene corretta immediatamente.

Se sospetti che il tuo animale domestico abbia una carenza di tiamina, portalo immediatamente dal veterinario.

 

Prevenzione

cane e gatto che mangiano

Come si può intuire l’alimentazione è il metodo migliore per prevenire la carenza di tiamina negli animali domestici. Il cibo sano può ridurre il rischio di malattia e aiuta a sostenere l’organismo (15).

La prevenzione prevede, quindi, una dieta che contenga la vitamina B, che sia sana ed equilibrata e adatta agli animali domestici. Un’alimentazione quotidiana, senza additivi chimici, senza allergeni, senza conservanti dannosi, senza solfiti, di grado alimentare umano, è la più adatta per evitare la carenza di tiamina e per ridurre il rischio di malattie.

Un paio di volte a settimana, si può gratificare il nostro amico a quattro zampe con qualche bocconcino sano e gustoso, senza additivi dannosi, per esempio con degli snack.

È anche consigliabile l’aggiunta dei probiotici nel cibo, poiché i probiotici equilibrano il microbiota intestinale, indispensabile per cani e gatti che soffrono di malassorbimento. I probiotici servono per mantenere ottimale l'assorbimento dei nutrienti.

Leggi anche: “8 vantaggi di salute dei probiotici per il tuo Pet”.

 

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

 

Riferimenti:

  • 1- http://www.docente.unicas.it/useruploads/001140/files/infermieri_fisioterapia/1955_dispense_vitamine.pdf
  • 2- http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1751-0813.1991.tb03129.x/full
  • 3- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16035180
  • 4- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26783020
  • 5- http://amaltea.vete.unimi.it/docenti/bontempo/cane_e_gatto.pdf
  • 7- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1680895/
  • 8- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17322361
  • 9- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26783020
  • 10- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/857396
  • 11- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21736620
  • 12- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23820206
  • 13- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26783020
  • 14- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9406628
  • 15- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/13104330
  • 15- https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0034528816303332

 

Aljaz Vavpetic
Sull'autore Aljaz Vavpetic
Naturopata Riza e Counselor Gestalt che studia e si dedica al benessere olistico dal 1999. Inizialmente offriva consulenze dal vivo nel suo studio, poi riconoscendo una grande mancanza di integratori di qualità senza additivi e antiagglomeranti, ha deciso nel 2013 ad aprire due negozi online con prodotti naturali difficili da reperire e con proprietà naturali fuori dal comune. Dopo oltre 5000 consulenze, diventa autore della "Guida Olistica per la Salute" con oltre 100 programmi naturali per aiutare contro i comuni disagi moderni, e della "Guida Olistica per la Salute degli Animali", che sono le raccolte più complete di approcci naturali olistici online in Europa. Entrambe le guide vengono aggiornate ogni mese e spedite gratuitamente a chi lo segue via newsletter.
Lascia un Commento