it en
Change your language here!

FIV nel Gatto come Aiutarlo Naturalmente

gatto malato coperta arancione

Starnuti, congestione, occhi acquosi e naso che cola possono essere sintomi di un semplice raffreddore, oppure no. Potrebbe trattarsi della Sindrome dell'Immunodeficienza Felina o FIV, una delle cause più comuni di infezioni del tratto respiratorio superiore nei gatti. Molti gatti sono esposti a questo virus ad un certo punto della loro vita. Le malattie infettive del gatto più comuni sono:

  • ♦ Leucemia felina o FeLV, originata da unretrovirus
  • ♦ Panleucopenia felina, essa è dovuta al parvovirus
  • ♦ Calicivirosi, è una malattia che colpisce tramite il calicivirus
  • ♦ Rinotracheite virale felina, prodotta dall'herpesvirus
  • ♦ Peritonite infettiva del gatto o FIP, di origine virale
  • ♦ Sindrome da Immunodeficienza Virale o FIV

Se il gatto sta semplicemente starnutendo e agisce come di consueto, non sarà probabilmente necessario alcun trattamento. Tuttavia, se il gatto inizia a mostrare secrezione nasale, perdita di appetito e altri sintomi, può trattarsi di un'infezione batterica secondaria e sarà necessario prendere provvedimenti.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato uno speciale documento in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

Sindrome da Immunodeficienza Virale (FIV) nel Gatto

La Sindrome da Immunodeficienza Virale, o FIV, è uno dei due virus che causano la maggior parte delle malattie respiratorie superiori nei gatti.

Il Feline Immunodeficiency Virus è un lentivirus che colpisce il sistema immunitario del gatto compromettendone l'efficiente funzionamento e rendendo, quindi, il gatto affetto da FIV più suscettibile a infezioni secondarie (1).

gattiPurtroppo, questa malattia felina è altamente infettiva e si diffonde facilmente da gatto a gatto attraverso uno scambio di secrezioni di naso, occhi e bocca. Il contagio avviene attraverso l'accoppiamento o tramite ferite da morso, infatti i maschi sono più soggetti alla infezioni. Le secrezioni infettive possono anche essere trasmesse attraverso ciotole di cibo e giocattoli.

La trasmissione del virus inizia 24 ore dopo che un micio è stato infettato e può continuare fino a tre settimane. Inoltre, un gatto che è stato infettato può continuare a ospitare il virus nel suo corpo e, ad intermittenza, trasmetterlo attraverso secrezioni nasali, orali o oculari durante i periodi di stress. Le femmine gravide possono anche trasmettere il virus ai loro cuccioli.

L'Immunodeficienza Felina (FIV) è considerata un retrovirus, che appartiene alla stessa famiglia del Virus della leucemia felina (FeLV) e del virus dell'Immunodeficienza Umana (HIV), il virus responsabile dell’AIDS. Questo virus attacca il sistema immunitario rendendo il gatto incapace di reagire a varie infezioni e alle neoplasie.

Fortunatamente i gatti contagiati da FIV non trasmettono il virus agli esseri umani e nemmeno ai cani. Una volta infettata, la maggior parte dei gatti non si sbarazza del virus. Tuttavia, i sintomi possono essere trattati.

 

Sintomi della FIV

Un gatto infetto da FIV potrebbe non mostrare alcun sintomo per anni. Una volta che i sintomi si sviluppano, tuttavia, possono progredire continuamente, oppure un gatto può mostrare segni di malattia nell’arco di anni. Se il gatto dimostra uno dei seguenti sintomi, è necessario farlo esaminare dal veterinario:

  • ♦ linfonodi ingrossati;
  • ♦ febbre;
  • ♦ anemia;
  • ♦ perdita di peso;
  • ♦ manto arruffato;
  • ♦ scarso appetito;
  • ♦ diarrea;
  • ♦ infiammazione dell'occhio (congiuntivite);
  • ♦ infiammazione delle gengive (gengivite);
  • ♦ infiammazione della bocca (stomatite);
  • ♦ malattia dentale;
  • ♦ arrossamento della pelle o perdita di peli;
  • ♦ ferite che non guariscono;
  • ♦ starnuti continui;
  • ♦ secrezioni dagli occhi o dal naso;
  • ♦ minzione frequente, sforzo per urinare o urinare al di fuori del cestino;
  • ♦ cambiamento del comportamento.

La congestione nasale e l'infiammazione delle membrane mucose e dei seni paranasali possono impedire al gattino di raccogliere l'aroma del cibo, che toglierà il suo impulso a mangiare. L'anoressia in un gatto può provocare rapidamente una condizione molto pericolosa, nota come lipidosi epatica felina, quindi la perdita di appetito non è un sintomo da trattare con leggerezza.

Un gatto positivo alla malattia può vivere una vita normale e felice per molti anni, se viene curato nella maniera corretta. La cosa importante da fare è assicurargli una dieta e un ambiente sano e fornirgli le adeguate cure preventive.

Come Mantenere Forte il Sistema Immunitario del Gatto con la FIV

Una volta che un gatto contrae questo virus, lo ha per tutta la vita. Quindi è molto importante rafforzare il sistema immunitario del gatto per ridurre le ricadute.

1 - Forniscigli un’alimentazione sana, equilibrata ed adatta alla specie. È fondamentale che mangi alimenti naturali, privi di additivi chimici, senza cereali, senza glutine e ricchi di proteine, in modo da garantire gli antiossidanti, le vitamine e i minerali necessari.

Da considerare il malassorbimento intestinale, che può portare ad anoressia e, quindi, è essenziale che al suo cibo si aggiungano i probiotici per mantenere l’equilibrio intestinale.

Leggi anche “8 Vantaggi di Salute dei Probiotici per il tuo Pet”.

2- Riducigli al minimo gli eventi stressanti nella sua vita. Poiché il virus dell'herpes si riattiva con lo stress, un ambiente con stress basso o nullo è utile per ridurre le riacutizzazioni. Il gatto può essere sottoposto a stress da un improvviso cambiamento nella sua routine quotidiana o da un improvviso cambiamento di ambiente.

pulizia occhi

3- Puliscigli frequentemente gli occhi e il naso del gatto, perché lo scarico degli occhi può asciugarsi, creando una crosta dura e difficile da pulire in seguito. Inoltre i passaggi nasali bloccati potrebbero impedirgli di mangiare.

 

I Migliori Rimedi Naturali per il Sistema Immunitario del Gatto con FIV

Oltre a garantire ai gatti un’alimentazione sana e adeguata, senza allergeni e con ingredienti di qualità, è importante l’utilizzo di erbe e rimedi naturali per aumentare le loro difese immunitarie. Eccone alcune :

Astragalo: è un'erba medicinale importante, comunemente usata in molte formulazioni a base di erbe nella pratica della medicina tradizionale cinese (MTC) per trattare un'ampia varietà di malattie e disturbi (2). L’astragalo influisce positivamente sul sistema immunitario, aiuta a proteggere il fegato dai danni e ha delle notevoli proprietà anti-cancro e antinvecchiamento. È utilizzato per proteggere e rafforzare il sistema immunitario, per prevenire raffreddori e infezioni delle alte vie respiratorie (3).

Radice di Tarassaco: il tarassaco viene usato come rimedio per l'anemia, per purificare il sangue e per fornire la modulazione immunitaria (4).

Radice di Liquirizia: la ricerca ha dimostrato che la radice di liquirizia ha effetti benefici sul sistema endocrino e su alcuni organi, tra cui il fegato, e migliora l'attività immunitaria (5).

Fungo Maitake: è stato dimostrato che questo fungo ha effetti immunostimolatori e inibitori sul sistema immunitario (6).

Fungo Reishi: secondo alcuni studi, il Reishi ha aumentato la capacità antiossidante plasmatica e ha migliorato le risposte immunitarie (7).

Fungo Shiitake: uno studio ha dimostrato che il consumo regolare del Shiitake ha comportato un miglioramento dell'immunità (8).

Questi rimedi, in sinergia tra di loro, costituiscono un’eccellente miscela per rafforzare il sistema immunitario e proteggere dai patogeni esterni.

 

cucciolo di gatto

Un ottimo rimedio naturale per le infezioni virali e batteriche è l’unghia di gatto senza TOA, poiché rinforzare il sistema immunitario. Nell’antichità veniva usata come contracettivo, in caso di infiammazione, cancro e infezioni virali e per stimolare il sistema immunitario. Oggi l'artiglio del gatto viene usato come integratore alimentare per una varietà di condizioni patologiche incluse infezioni virali (come l'herpes e l'HIV), morbo di Alzheimer, artrite, diverticolite, ulcera peptica, colite, gastrite, emorroidi, parassiti e intestino impermeabile (9).

Con una buona alimentazione, i consigli sopra indicati e una cura amorevole, la maggior parte dei gatti riuscirà a rimettersi con successo.

 

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato uno speciale documento in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

 

Riferimenti:

  • https://it.wikipedia.org/wiki/Malattie_infettive_del_gatto
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26916911
  • http://www.umm.edu/health/medical/altmed/herb/astragalus
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3401523/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3083680/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92757/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1160565/
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25866155
  • https://nccih.nih.gov/health/catclaw
Lascia un Commento