it en
Change your language here!
819048 714 381
71427321893

Disintossicazione

  • Con l'Insufficienza Renale nei Gatti Evita Sempre Questo Cibo

    I reni dei gatti, solitamente, iniziano a lavorare poco o male con l’avanzare dell’età, facendo sorgere, così, i disturbi renali. Questi disturbi, quando non trattati, possono portare a una serie di problemi di salute al micio. I reni del gatto svolgono molte funzioni importanti: aiutano a gestire la pressione sanguigna, a...
  • Inquinamento: Segnali d'Allarme per la Salute di Cane e Gatto

    gatto con maschera anti inquinamento

    Non sono solo gli uomini ad accusare gli effetti del degrado ambientale: anche cane e gatto possono andare incontro a disturbi della salute.

    Quando ci si riferisce all’inquinamento, di solito si circoscrive il problema agli essere umani. In questo modo, però ci si dimentica dei nostri amati amici  animali. Sono molti i campanelli d’allarme che ci avvisano dei rischi per la loro salute. Proteggiamo cane e gatto dagli agenti inquinanti.

     

    I Fattori di Rischio

    Rispetto agli esseri umani, gli animali devono affrontare alcune aggravanti dovute alle loro caratteristiche fisiologiche: essendo più piccoli, ma forniti di un metabolismo più veloce, a parità di tempo di esposizione all’inquinante, assorbono una maggiore quantità di elementi tossici. 

    La luce solare può essere un fattore di inquinamento, soprattutto a causa della diminuzione dell’effetto protettivo dell’ozonosfera, può danneggiare la pelle degli animali dotati di un mantello rarefatto e provocare malessere agli occhi.

    Il materiale inquinante in sospensione aerea si deposita, prima o poi, nel terreno, sulla vegetazione e nelle acque ferme delle pozzanghere e dei piccoli specchi d’acqua. La loro ingestione diventa quindi molto pericolosa per l’animale. Per esempio, l’acqua della ciotola, nel caso di inquinamento delle falde, può rappresentare un grave fattore di rischio: cani e gatti ne ingeriscono le sostanze nocive, che a lungo andare nel tempo, possono recare molte malattie.

    Il pelo  è un ricettacolo, che raccoglie le particelle in sospensione e quelle depositate nel terreno o sul pavimento: leccandosi, gli animali possono ingerirne anche grandi quantità.

    Continua a leggere

  • Leishmaniosi nel Cane o Gatto: Sintomi, Prevenzione e Cura

    leishmaniosi La leishmaniosi è una patologia causata da protozoi del genere Leishmania. È una malattia infettiva di tipo parassitario, che si può trasmettere dall’animale all’uomo.

    Si pensa di conoscerla bene, ma, quando si parla di leishmaniosi, non bisogna trascurare nessun dettaglio ed è consigliabile informarsi adeguatamente. Cerchiamo di capire in cosa consiste questa pericolosa malattia, di riconoscere i sintomi, per poter agire e aiutare non solo i nostri amici a quattro zampe, ma anche noi stessi.

    Il parassita è veicolato nell’organismo del cane, del gatto o all’uomo, attraverso la puntura di un piccolo insetto, vettore della patologia, che prende il nome di flebotomo o pappataci. Il pappataci è più piccolo della zanzara e, a differenza di questa che ha un’attività diurna, il flebotomo punge specialmente al tramonto o all’alba, non emette nessuno ronzio, per via dei piccoli peli che rivestono le ali (da qui il termine “pappataci”, ovvero “pappare” tacendo).

    Il parassita Leishmania si moltiplica nell’intestino degli esemplari femmina di questo insetto durante la digestione del pasto di sangue e viene espulsa   con la saliva, attraverso la puntura ai nostri animali.

    Continua a leggere

  • Piante e Fiori Pericolosi per Cane e Gatto

    cucciolo di gatto col gelsominoLe piante e i fiori ornamentali sono davvero bellissimi, riempiono le nostre case, giardini, balconi e terrazze di colori e profumi, tuttavia  occorre prestare attenzione, perché alcune di queste piante sono tossiche e velenose per cani e gatti.

    Per non commettere errori è bene escludere dagli ambienti domestici, ai quali hanno accesso cani e gatti, tutte le piante pericolose. Ecco alcune delle specie da evitare:

    Oleandro e mughetto: alterano le funzioni cardiache degli animali domestici.

    Gelsomino: l’assunzione di gelsomino ostacola la deglutizione, rende i movimenti scoordinati, provoca debolezza muscolare e convulsioni.

    Edera: la comune edera può diventare mortale se ingerita in quantità elevata.

    Ortensia: i boccioli dell’ortensia sono nocivi. I sintomi sono vomito, problemi ai polmoni, convulsioni e addirittura morte nei soggetti più deboli. 

    Giglio: è altamente tossico soprattutto per i gatti, dei quali mette in crisi le funzioni renali.

    Dieffenbachia: questa pianta è moderatamente irritante per il  cane, ma velenosa per il gatto.

    Lauroceraso: cani e gatti sono entrambi sensibili a questa pianta, le cui foglie contengono, seppure in quantità trascurabili, tracce di cianuro che può portare a convulsioni e paralisi cerebrali.

    Stella di natale: le sue foglie sono estremamente pericolose, perché la linfa che ne fuoriesce è altamente irritante per la mucosa intestinale.

    Vischio: l’ingestione delle bacche di vischio può provocare movimenti scoordinati, salivazione eccessiva, vomito, diarrea e dolori addominali. 

    Agrifoglio: bacche e foglie di agrifoglio causano disturbi all’apparato gastro-intestinale.

    Rododendro: provoca fastidi digestivi e cardiaci.

    Felce, pothos, petunia: non hanno, di norma, conseguenze fatali per i nostri animali, a meno che non siano in stato di cattiva salute.

    Non va poi dimenticato che oltre alle piante pericolose, vi sono gli insidiosi concimi e antiparassitari chimici contenuti nei vasi di specie botaniche che, altrimenti, sarebbero innocue per gli animali domestici. Attenzione quindi all’acqua che ristagna nei sottovasi, tossica per loro, la cui ingestione può avere esiti fatali.

    Continua a leggere

  • Tumore nel cane e nel gatto: sintomi e prevenzione

    cane sdraiato

    Il tumore è una malattia in forte aumento che colpisce anche i nostri animali domestici e, purtroppo, è una delle principali cause di decesso nei cani e gatti. Attualmente in Europa ed in Italia esistono alcuni Registri Tumori Animali (RTA), che studiano l’incidenza di forme tumorali in animali da compagnia e d’interesse zootecnico (1). La maggior parte dei tipi di cancro osservati negli esseri umani sono presenti nei cani, suggerendo che i cani possono essere un sistema informativo per lo studio della genetica del tumore (2).

    Sino a poco tempo fa quando un cane o gatto, specialmente se anziano, veniva colpito da un tumore, la parole d’ordine era “eutanasia”. Oggi fortunatamente la sensibilità dei proprietari degli animali e dei veterinari è aumentata.

    Il tumore è una massa di tessuto che cresce in eccesso ed in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali. Normalmente, il corpo controlla la crescita e la divisione cellulare. Nuove cellule vengono create per sostituire quelle più vecchie o per eseguire nuove funzioni. Le cellule che sono danneggiate o non più necessarie muoiono per lasciare spazio a sostituzioni salutari.  Se l'equilibrio tra la crescita cellulare e la morte è disturbato, si può formare un tumore. Problemi con il sistema immunitario possono portare a tumori (3). Il tumore è una malattia nella quale possono essere coinvolti vari fattori di rischio.

    Continua a leggere

  • FIV nel Gatto come Aiutarlo Naturalmente

    gatto malato coperta arancione

    Starnuti, congestione, occhi acquosi e naso che cola possono essere sintomi di un semplice raffreddore, oppure no. Potrebbe trattarsi della Sindrome dell'Immunodeficienza Felina o FIV, una delle cause più comuni di infezioni del tratto respiratorio superiore nei gatti. Molti gatti sono esposti a questo virus ad un certo punto della loro vita. Le malattie infettive del gatto più comuni sono:

    • ♦ Leucemia felina o FeLV, originata da unretrovirus
    • ♦ Panleucopenia felina, essa è dovuta al parvovirus
    • ♦ Calicivirosi, è una malattia che colpisce tramite il calicivirus
    • ♦ Rinotracheite virale felina, prodotta dall'herpesvirus
    • ♦ Peritonite infettiva del gatto o FIP, di origine virale
    • ♦ Sindrome da Immunodeficienza Virale o FIV

    Se il gatto sta semplicemente starnutendo e agisce come di consueto, non sarà probabilmente necessario alcun trattamento. Tuttavia, se il gatto inizia a mostrare secrezione nasale, perdita di appetito e altri sintomi, può trattarsi di un'infezione batterica secondaria e sarà necessario prendere provvedimenti.

    Continua a leggere

  • Disturbi dell’Orecchio nel Cane/Gatto

    cane orecchie grandi

    Il canale uditivo del cane e del gatto è molto profondo e presenta una forma caratteristica a L con una parte verticale e, successivamente, una orizzontale. Questa particolare forma è progettata per proteggere il loro senso dell'udito, altamente sviluppato. Sfortunatamente, questo disegno può anche causare l'intrappolamento di umidità, detriti, parassiti e cera nelle orecchie, causando infezioni.

    Nei gatti, le cause più comuni di infezioni dell'orecchio sono acari o un sistema immunitario debole (che può essere causato dal virus della leucemia felina o dal virus dell'immunodeficienza felina).

    Nei cani, le affezioni più comuni sono le allergie e il lievito, che spesso provocano infezioni batteriche secondarie. I cani con orecchie flosce e nuotatori sono più soggetti alle infezioni. Altre cause di infezioni all'orecchio includono:

    Continua a leggere

  • Obesità e Sovrappeso: Minacce per la Salute di Cane e Gatto

    chihuahua obeso sulla bilancia

    Sovrappeso e obesità sono le più diffuse e importanti patologie nutrizionali che interessano cani e gatti. Più della metà dei cani e dei gatti che vivono in Italia pesa più di quello che dovrebbe.

    L’obesità è una vera e propria patologia dalle numerose cause e, per questo, può provocare gravi conseguenze alla salute degli animali domestici.

    A dispetto del motto “grasso è bello” è doveroso ricordare che i chili in eccesso possono essere la causa primaria di molte malattie come:

    • ♦ diabete;
    • ♦ artrosi;
    • ♦ ipertensione;
    • ♦ ipotiroidismo;
    • ♦ malattie renali.

    Continua a leggere

  • 8 Motivi per Disintossicare Cane e Gatto

    giochi e prodotti per cani e gatti di plastica

    Il cibo di cani e gatti, l'aria che respirano e l'acqua che bevono contengono tutti un ingrediente comune: le tossine. Ogni giorno cani e gatti vengono esposti a metalli pesanti (piombo, mercurio, cadmio, arsenico, alluminio e nichel), prodotti petrolchimici e altre tossine esterne inclusi solventi, composti organici volatili, pesticidi, erbicidi, medicinali, ftalati e alimenti ricchi di additivi. L'elenco delle tossine chimiche è lungo, quindi diventa sempre più importante imparare a detossificare il proprio animale domestico.

    Le tossine possono causare, peggiorare o accelerare molti problemi di salute nelle persone e negli animali domestici. Ma molte delle tossine che possono influenzare profondamente la nostra salute e quella dei nostri animali domestici sono nascoste e potremmo contribuire inconsapevolmente al carico di tossine che noi e i nostri animali domestici abbiamo nei corpi.

    Continua a leggere

  • Come Sostenere la Salute del Fegato nel Cane/Gatto

    cane e gatto sdraiatiIl fegato è un organo vulnerabile nei cani e nei gatti a causa del suo importante compito di filtrare le tossine. Infatti il fegato è un organo vitale per la salute dei cani e dei gatti, è l'organo principale della disintossicazione del loro organismo. Un sovraccarico di tossine può causare sofferenza al fegato.

    Il fegato compie una serie di importanti funzioni nel corpo ed esegue processi cruciali: agisce come un filtro rimuovendo le tossine derivate dal sangue, sintetizza e distribuisce proteine ​​per l'uso da parte del corpo, conserva lo zucchero sotto forma di glicogeno, produce la bile, importante nei processi della digestione e regolazione della coagulazione del sangue, metabolizza zuccheri, proteine, grassi e colesterolo. Inoltre aiuta ad assorbire grassi e alcune vitamine.

    Il fegato richiede un flusso continuo di sangue per svolgere il suo lavoro in modo efficace, quindi se non funziona correttamente, possono sorgere dei disturbi di salute nei nostri amici a quattro zappe. Alcuni animali domestici sono geneticamente soggetti a insufficienza epatica, mentre le carenze vitaminiche possono causare malfunzionamenti epatici, in particolare nei gatti. Anche un’infezione batterica o virale del fegato può causare danni.

    Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 19 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2