it en
Change your language here!

Cosa si Nasconde dietro l’Alito Cattivo (Alitosi) nel mio Cane/Gatto?

Tutti noi sappiamo riconoscere l’alitosi nei nostri amici a quattro zampe, loro non sono timidi e non si fanno problemi a tenere la bocca aperta. Ma trascorrere qualche minuto con un cane o un gatto con problema di alitosi, non è sicuramente un’esperienza gradevole. L'alito cattivo non è solo una cosa sgradevole per te - può significare qualche problema di salute per il tuo amico a quattro zampe.

 Il respiro maleodorante è il risultato di un accumulo di batteri che producono odori nella bocca o nei polmoni dell’animale. Quando l’alito cattivo è persistente può indicare che l’animale ha bisogno di una migliore cura odontoiatrica, infatti spesso l'alito cattivo è causato da malattie odontoiatriche o gengivali e alcuni cani, in particolare quelli piccoli, sono particolarmente soggetti a placca e tartaro.

L’alito cattivo può indicare anche che qualcosa non funziona bene nel suo tratto gastrointestinale, nel fegato, nei reni o nel sistema respiratorio. In tutti i casi, l'alitosi è una spia rossa che dovrebbe essere indagata.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato uno speciale documento in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

Cosa si nasconde dietro l’alitosi? Cosa può indicare un’alito cattivo?

I seguenti casi possono segnalare problemi di salute che richiedono un trattamento immediato:    

 Disturbi del cavo orale come gengiviti, tartaro o piorrea;

L'alito insolitamente dolciastro o fruttato potrebbe indicare il diabete, soprattutto se il l’animale ha bevuto e urinato più frequentemente del solito.     Il diabete è una patologia metabolica dovuta, nella maggior parte dei casi, ad un’alimentazione poco sana. Il diabete non controllato può anche sopprimere il sistema immunitario, consentendo ai batteri in bocca di crescere a dismisura.

→ Il respiro che ha l'odore di urina può essere un segno di malattie renali.    Infatti, una riduzione della funzionalità renale può far odorare l’alito dell’animale di ammoniaca, perché i prodotti di rifiuti normalmente eliminati dai reni si accumulano nel flusso sanguigno e poi si manifestano nel respiro degli individui affetti.

→ Un odore simile al pesce, accompagnato dal vomito, dalla mancanza di appetito o dalle gengive colorate di giallo potrebbe segnalare un problema al fegato.

→ Altra causa può essere un’infiammazione o infezione dell’apparato rino-faringeo, dovuta alla presenza di muco purulento.

→ Accade che a volte gli animali mangiano alcune cose piuttosto disgustose, come feci e animali morti e, anche in questi casi, possono causare un alito cattivo.

 

Come trattare l’alitosi ?

Il trattamento dipenderà dalla causa. Se il disturbo è causato da un problema al cavo orale, molte volte è possibile sollevare il labbro dell’animale e notare che le gengive sono molto rosse e infiammate, oppure vedere della placca, in questo caso si potrebbe richiedere una pulizia del cavo orale. Se non volete spendere molti soldi per una pulizia dei denti da un professionista e volete evitare che l’animale subisca l’anestesia, si può optare per un prodotto naturale da applicare direttamente in bocca.

Se la causa è gastrointestinale potrebbe essere necessario modificare l’alimentazione, scegliere un cibo più naturale possibile, che non contenga allergeni e additivi, e facile da digerire.

Se è una problematica del fegato, dei reni o dei polmoni consultare il proprio veterinario e valutare insieme il meglio per il proprio animale.

 

Come posso prevenire l’alitosi nel mio pet?

Molte persone credono che un alito cattivo negli animali, soprattutto a una certa età, sia normale. Ma questa non è la giusta considerazione.

Spesso l’alitosi è il risultato di un’alimentazione scorretta, di cibo poco sano, che può innescare disturbi di vari genere che coinvolgono la bocca, la digestione, lo stomaco, l’intestino, passando al fegato e ai reni. Per questo motivo è molto importante curare l’alimentazione dell’animale con cibo sano e di qualità.

È consigliabile portare l’animale per controlli regolari dal veterinario, per assicurarsi di non avere problemi di salute che possono causare l'alitosi.

 

Alcuni utili consigli

Utilizzare dei buoni probiotici che aiutano a mantenere l’intestino sano e pulito e, se necessario, anche gli enzimi vegetali per una migliore digestione.

Fornire giocattoli duri e sicuri che permettano ai denti del cane di essere puliti dal naturale processo di masticazione.

 

Mantenere in Equilibrio la Flora Batterica

Nell’intestino di cani e gatti sono presenti diverse centinaia di specie di batteri, che formano la microflora intestinale e contribuiscono all’integrità della mucosa intestinale, del metabolismo e delle difese immunitarie locali e sistemiche. 

Quando il soggetto è in salute i batteri benefici prevalgono su quelli potenzialmente dannosi.

I probiotici possono influenzare positivamente un singolo gruppo di batteri portandolo ad iniziare, migliorare o recuperare una funzione e avviare un effetto benefico per la salute.

 

Le caratteristiche di un buon Probiotico per gli animali

I ceppi probiotici devono essere formulati appositamente per le esigenze della salute di cani e gatti, come il Bifidobacterium animalis, L. acidophilus, L. rhamnosus, L. salivarius, L. fermentum, L. reuteri.

Devono contenere FOS (FOS sta per fruttoligosaccaridi), di cui i probiotici in realtà si nutrono e che li aiutano a produrre batteri più salutari. Inoltre non devono contenere eccipienti.

Essere proattivi sulla salute del proprio animale non solo migliora la sua qualità di vita, ma è una pratica preventiva e intelligente.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato uno speciale documento in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che il tuo animale domestico potrebbe incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...
Lascia un Commento